A Napoli il 30 ottobre è sempre Natale

Il 30 ottobre per il calcio napoletano e per il calcio mondiale è come il Natale per le altre persone. Infatti in una stalla di Lanus, un sobborgo dell’Argentina, nacque per la fortuna della tifoseria azzurra, il più grande giocatore di tutti i tempi. Il suo nome è Diego Armando Maradona. Per i napoletani solo Diego. Perchè il re del calcio è nato si in Argentina ma solo per sbaglio. Lui è napoletano dentro e quando arrivò nella città dal golfo più bello del mondo s’ambientò subito. Ci volle poco per lui e per i napoletani ad instaurare quel feeling vincente che portò a Napoli: due scudetti, una coppa Italia da record una coppa Uefa ed una Super-coppa italiana vinta per 5-1 contro l’odiata signora bianco-nera( l’unica signora da strapazzare). Non solo portò vittorie ma portò una nuova ventata di speranza di vincere. Infatti con lui nel bel mezzo del prato verde, il popolo di fede azzurra( tanto competente quanto passionale) prese coscienza delle proprie forze e acquistò anche una mentalità vincente. Fu la luce del popolo azzurro. Le mani dei tifosi azzurri si spellarono per ben 7 anni. Sette magnifici anni in cui Diego, per tutto il mondo napoletano, basta dire il nome, ci regalò il meglio del meglio del calcio .E’ stata l’essenza e la luce del calcio napoletano e quindi mondiale. Nessuno mai potrà usufruire di tanta beltà calcistica. Tutte le domeniche calcistiche erano benedette non maledette. Alla fine i cuori e gli occhi dei tifosi azzurri erano pieni di gioia per aver assistito al vero gioco del calcio. Di questo, Napoli ed il popolo di fede azzurra lo ringrazia e gli riserva i migliori auguri di buon compleanno cercando nei propri cuori di festeggiare questo Natale profano nella propria intimità calcistica. La redazione tutta di Positanonews fa gli auguri al re del cacio di tutti i tempi.

Commenti

Translate »