Temporali in Campania sfollano il salernitano, paura a Sarno dopo la frana del ’98

Le frane dovute ai violenti temporali che si sono riversati su tutta la regione tornano a far paura alla Campania e al salernitano, in particolare a Sarno, dove numerose famiglie si sono viste costrette a “fuggire” dalle proprie abitazioni. Nel salernitano, in particolare a Sarno, i cittadini hanno vissuto tutto ciò con il terrore negli occhi, il terrore di chi ancora ricorda la terribile alluvione del 1998. Vediamo tutti i dettagli nell’articolo di Salvatore D’Angelo e Danilo Ruggiero per La Città di Salerno.

Colate di fango e acqua, automobili e persone bloccate dalla lava fredda, scene che hanno rimandato ai drammatici momenti del 5 maggio 1998. Paura al corso Umberto I, nelle zone di San Sebastiano e San Vito, ma anche in via Bracigliano e a vallone Santa Lucia. Il sindaco Giuseppe Canfora ha emesso un’ordinanza di evacuazione per tutte le famiglie residenti nell’area pedemontana sarnese. Circa 300 le persone interessate. L’ordinanza di evacuazione ha riguardato in particolare: via Bracigliano, zona Santa Lucia (prima e seconda Fontana), corso Umberto I e relative traverse situate nei pressi della chiesa di San Sebastiano, vicolo Primo e Secondo San Sebastiano, lato monte, vicolo dei Miracoli. Le prime 20 famiglie sono state sgomberate dalla zona di vallone Santa Lucia. Tante altre hanno atteso nelle proprie abitazioni l’evolversi della situazione; in particolare quelle residenti nei pressi di corso Umberto I. In questa zona di Sarno le colate di fango sono un fenomeno quasi inedito. Il primo cittadino di Sarno ha disposto l’allestimento di un centro di prima accoglienza per gli sfollati nei locali dell’istituto “Baccelli” al corso Matteotti. Giuseppe Canfora è stato sul posto sin dal primo allarme, coordinando personalmente le operazioni di monitoraggio e di sgombero. Sul posto la polizia di Stato, la Protezione civile, i Vigili del fuoco. Attivato il centro operativo comunale, in sede i funzionari della protezione civile e alcuni assessori della giunta Canfora.

Pomeriggio d’inferno. Le prime avvisaglie si sono avute intorno alle 18, quando la pioggia ha cominciato a sferzare tutta l’area Nord della provincia di Salerno. Il primo fango è cominciato a scendere dai vicoli e dalle traverse di corso Umberto I, in particolare da quelli adiacenti la chiesa di San Sebastiano. Una zona dove in passato non erano stati segnalati simili episodi. Fango, detriti, alberi sono scesi a valle dalla collina dell’Autuori trasportati dall’acqua. Conseguenza anche degli incendi delle ultime settimane. Il fango sceso dai vicoli di San Sebastiano oltre al corso ha invaso anche via Lanzara, nei pressi di Villa Lanzara, e via Buonaiuto.

Famiglie evacuate. Il sindaco Canfora è stato in zona vallone Santa Lucia, da dove sono state evacuate le prime 20 famiglie: «Abbiamo messo a disposizione la scuola “Baccelli”, anche se in molti hanno preferito trovare ospitalità da propri familiari ». Il primo cittadino ha ribadito la necessità di «manutenzione » ordinaria e straordinaria di queste zone, appello lanciato alle autorità sovra comunali. «Questo è stato solo un avviso, bisogna intervenire per evitare che accada altro», ha aggiunto Canfora. Dalla Regione, intanto, sono arrivate un centinaio di brandine per supportare l’amministrazione comunale. Nella giornata di oggi dovrà essere valutata la stabilità della parte alta della collina che sovrasta la zona interessata dall’ordinanza di evacuazione, un’area fortemente compromessa anche a causa degli incendi delle scorse settimane. Scongiurati problemi alle persone, oggi invece sarà avviata la conta dei danni alle cose. Numerose le abitazioni, in particolare i piani bassi, interessati dalle colate di acqua e fango. Sotto controllo, invece, la situazione a Foce e ad Episcopio.

Supporto dalla Provincia. Sul maltempo di ieri è intervenuto il presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese: «Danni in tutta la provincia, particolarmente critica la situazione nell’Agro nocerino sarnese, soprattutto nelle fasce pedemontane. Il settore Viabilità della Provincia di Salerno sta fornendo tutto il supporto necessario ai sindaci ed alle comunità interessate per ciò che concerne la pulizia, lo sgombero e la messa in sicurezza delle strade provinciali soggette ad allagamenti, a danneggiamenti ed a interruzioni della viabilità ».

Commenti

Translate »