Salerno. Rogo sul colle Bellaria, caccia ai piromani

Più informazioni su

Sono state necessarie più di ventiquattro ore per spegnere il vasto incendio che, tra venerdì e sabato, ha sfregiato il colle Bellaria, suggestiva e frequentatissima terrazza che sovrasta Salerno. Ettari ed ettari di vegetazione andata distrutta e un sospetto che si fa sempre più concreto: che l’incendio sia tutt’altro che accidentale. La pista dolosa è quella più accreditata in questo momento anche se è ancora troppo presto per formulare ipotesi. A supportare questa tesi ci sarebbero almeno un paio di elementi ritenuti, in questa fase, quantomeno sospetti: i numerosissimi focolai che bruciavano anche molto distanti tra loro e che tutto sia accaduto in un giorno di vento. La combinazione perfetta, insomma, per quello che potrebbe essere un gruppo di piromani. Non un singolo perché, a quanto pare, l’azione potrebbe essere stata coordinata e potrebbe aver avuto bisogno di più di un braccio operativo. L’incendio è stato segnalato da alcuni cittadini decine e decine le telefonate arrivate alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco ed è divampato nel pomeriggio di venerdì. Lo scenario che si è presentato davanti agli occhi dei caschi rossi è stato da subito molto preoccupante perché sono stati contati e individuati almeno una decina di focolai molto estesi che alimentavano un incendio di enormi proporzioni. Le foto del Bellaria in fiamme hanno fatto il giro del web suscitando la preoccupazione e l’indignazione dei cittadini salernitani. Sul posto sono intervenuti tutti gli uomini e i mezzi disponibili: per oltre ventiquattro ore i vigili del fuoco hanno lavorato senza sosta allo scopo di circoscrivere l’incendio evitando che si propagasse nelle prime dieci ore e successivamente, procedere allo spegnimento vero e proprio. Hanno facilitato le operazioni un elicottero e un canadair che hanno fatto la spola tra la costa e il colle per trasportare centinaia di litri d’acqua. Coinvolti nelle attività anche diversi gruppi di volontari e la protezione civile.
I RESIDENTI Via Panoramica, temporaneamente chiusa nella notte di venerdì a causa del pericolo derivante dalle fiamme, è stata riaperta al transito dei residenti nel pomeriggio di ieri. «È andata avanti per tutta la mattinata di ieri l’attività di contenimento dell’incendio in via Panoramica ha fatto sapere il sindaco Enzo Napoli – Una squadra di volontari del gruppo comunale di Protezione Civile di Salerno è sul posto dalle prime ore di stamani, insieme a uomini della polizia municipale, per coadiuvare i vigili del fuoco. La via Panoramica è ancora chiusa al traffico veicolare per motivi precauzionali. È consentito il transito ai soli residenti della zona». Una volta spento l’incendio, i caschi rossi si sono dedicati alla messa in sicurezza del territorio e alla verifica della presenza di piccoli focolai che potessero far alzare di nuovo le fiamme. Intanto si indaga sull’origine dell’incendio.

Fonte Il Mattino 

Più informazioni su

Commenti

Translate »