Ravello, ecco gli appuntamenti musicali della prossima settimana

Ravello (Salerno), prosegue la stagione concertistica e dedicata alla buona musica. Di seguito, gli appuntamenti della prossima settimana. Lunedì 14 settembre, nel Complesso monumentale dell’Annunziata di Ravello, la pianista Sandra Landini e l’Hadimova String Quartet propongono la versione “tascabile”  (ovvero con il quartetto d’archi a sostituire l’orchestra nell’accompagnamento ) del concerto n.1 in si min. op. 11 per pianoforte e orchestra di Friederich Chopin, composto  negli anni giovanili, ed eseguito per la prima volta dallo stesso Chopin nel suo concerto di “addio”, prima di lasciare Varsavia.

Il concerto sarà preceduto dall’esecuzione della famosa Serenata “Eine kleine Nachtmusik” – (Una piccola musica notturna, o serenata notturna) composta da Wolfgang Amadeus Mozart nell’estate del 1787. Per la leggerezza della melodia essa si ricollega alle deliziose composizioni giovanili salisburghesi ed è stata scritta molto probabilmente in occasione di una ricorrenza festiva in un elegante cortile o in un giardino di un palazzo principesco, secondo le abitudini della società del tempo.

Mercoledì 16 settembre, il duo composto da Massimiliano Essolito e Achille Giordano proporrà un insolito programma per mandolino e pianoforte. L’immaginario collettivo colloca il mandolino quasi esclusivamente nella musica popolare. Eppure lo strumento si rivela essere ben apprezzato nel Settecento, in particolare da compositori della scuola classica napoletana come Giovanni Battista Gervasio, di cui Essolito e Giordano eseguiranno le Sonate per mandolino n. 1 e n. 6, entrambe in re maggiore. Gervasio è stato un musicista della prima generazione di virtuosi-mandolinisti che, nel XVIII secolo, lasciò l’Italia per tenere concerti in Europa.  Conclude il primo tempo la sonata in do minore op. 37a per mandolino e pianoforte di Johann Nepomuk Hummel, importante musicista del tardo periodo classico, di cui, negli ultimi anni, sono tornate in auge le creazioni per musica da camera, come appunta quella proposta dal duo Essolito e Giordano.

La seconda parte del programma è tutto dedicato a Raffaele Calace, con l’esecuzione del Preludio N.13 Op.148 e il Concerto No. 2 Op. 144. Raffaele Calace, napoletano, fa parte di una famiglia di liutai artigiani che hanno profondamento contribuito all’evoluzione della liuteria, sia da punto di vista della costruzione dello strumento che dal punto di vista del perfezionamento dello studio del mandolino grazie alla elaborazione di un metodo completo, nel quale sono analiticamente studiate tutte le possibilità tecniche ed artistiche dello strumento.

I chitarristi Rosario Ascione e Giuseppe Aversano proporranno per il concerto di venerdì 18 settembre, un omaggio alla Scuola Musicale Napoletana. Napoli nella prima metà del Settecento era senza dubbio una delle città musicalmente più vivaci con artisti di rilievo quali Francesco Durante e Domenico Cimarosa (una delle figure centrali dell’opera buffa del tardo Settecento), autori sui quali è incentrato il programma della serata  A chiudere il concerto un’antologia di canzoni popolari napoletane, nella trascrizione originale per due chitarre.

Commenti

Translate »