Praiano. La Cala della Gavitella tra i “Luoghi del Cuore” FAI, campagna per valorizzare luoghi poco conosciuti

Più informazioni su

Praiano. La Cala della Gavitella tra i “Luoghi del Cuore” FAI, campagna per valorizzare luoghi poco conosciuti.

Ogni anno il FAI (Fondo Ambiente Italiano) promuove il progetto “i Luoghi del Cuore”, una campagna Nazionale per valorizzare luoghi poco conosciuti ma cari ai cittadini. Quest’anno, per la 10ª edizione, è candidata anche la Cala della Gavitella. Basta cliccare sul link per poter votare la Gavitella come nostro luogo del cuore. Sarebbe sufficiente raggiungere soli 2000 voti entro il 15 dicembre per poter partecipare ad un bando per ricevere fondi per la valorizzazione e la conservazione della spiaggia. Anche se non dovessimo ricevere i soldi, partecipare al progetto del FAI significherebbe mostrare l’interesse del paese per un luogo così speciale per tutta la comunità.

La Gavitella è un piccolo angolo di paradiso incastonato tra le scogliere della splendida Costiera Amalfitana. Si tratta di una caletta naturale situata nella frazione di Vettica Maggiore a Praiano, raggiungibile percorrendo una scalinata panoramica di 413 gradini costruita nel 1926. Grazie alla sua posizione particolarmente privilegiata, esposta verso ovest, la spiaggia è perennemente baciata dal sole ed è l’unico luogo in tutta la Costiera dove il tramonto si tuffa direttamente nel mare creando uno spettacolo che lascia sempre senza fiato. Ieri come oggi, intere generazioni di praianesi si rifugiano alla Gavitella nei caldi pomeriggi estivi, per godersi il sole tra chiacchierate amichevoli e tuffi nell’acqua cristallina. Ma, se da un lato la sua posizione le permette di essere costantemente illuminata dai raggi solari, dall’altro la espone pericolosamente e frequentemente ai venti, alle burrasche e alle mareggiate, come quella devastante del martedì grasso del 1879 (o mar e’ carneval) che danneggiò l’intero tratto costiero da Positano a Vietri. La stessa spiaggia si formò in seguito alla potente alluvione che distrusse il paese nel 1924, per questo motivo il fragile l’arenile viene annualmente divorato dalle onde e dalle maree. Gli anziani del paese la ricordano con nostalgia come una grande spiaggia che permetteva addirittura la messa in secca delle barche, ma, da qualche anno a questa parte, la Gavitella versa in una condizione di pietoso degrado, il tutto nel totale disinteresse delle amministrazioni che si sono succedute negli anni. Gran parte della spiaggia è stata interdetta ai bagnanti per pericolo di caduta massi. Le maree hanno spazzato via la pedana in cemento dove attraccavano le barche, portando i detriti di pietra e ferro fino alla riva. La pulizia e la sicurezza dello spazio pubblico sono praticamente assicurate solo dalle mamme della comunità che operano volontariamente. La Gavitella sta scomparendo. È inaccettabile che un paradiso naturale come questo, facente parte di un tratto costiero dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, versi in queste condizioni. Prima che un’ambita meta turistica, la Gavitella è la spiaggia della comunità, è il luogo del cuore dei praianesi, e merita di essere tutelata, valorizzata e conservata per le generazioni future.

Più informazioni su

Commenti

Translate »