Piano di Sorrento, i Fieristi autonomi campani protestano: “Siamo discriminati. Vogliamo lavorare”

Piano di Sorrento. Quest’anno, per motivi di sicurezza legati all’emergenza epidemiologica da Covid-19, non si svolgerà la tradizionale Fiera in occasione della Festa di San Michele. Il Comune ha, però, concesso l’autorizzazione (dal 27 al 30 settembre) a tre posteggi per il commercio dei soli dolciumi e torroni lungo il Corso Italia nel tratto da Piazza Cota a Piazza della Repubblica. I fieristi dell’Associazione Fieristi Autonomi Campani sono arrivati in mattinata fino a Piano di Sorrento per comunicare il loro dissenso e protestare.

giuseppe pinto

A parlare a Positanonews è uno di loro, Giuseppe Pinto: “Non è successo nulla di nuovo, è problema di tutti i comuni: non si prendono cura dei lavoratori. Noi lavoriamo solo durante le festività ma i comuni ci stanno rispedendo i permessi. Non ci fanno lavorare“.

A Piano“, spiega Pinto, “hanno stabilito che non ci deve essere la festa però il mercato si fa. Anche lì si genera assembramento. Perché veniamo discriminati sempre noi?”. I fieristi sapevano da tempo che non avrebbero potuto partecipare perché il Comune ha presentato come gli anni scorsi il bando.

La regione Campania dice che rispettando le linee guida si può fare“, aggiunge ancora Giseppe Pinto. I fieristi dell’Associazione Fieristi Autonomi Campani da 20 anni prendono parte alla festa di San Michele.

Commenti

Translate »