Covid, metà Francia è zona rossa. Tamponi per chi arriva dalle zone a rischio

Più informazioni su

In Europa tornano a correre i contagi e ci si prepara ad evitare una seconda ondata di Covid-19. L’Italia, stretta tra i Paesi che contano sempre più casi, ha deciso di estendere l’obbligo del tampone per chi arriva da Parigi e da altre aree della Francia. L’ordinanza, che entrerà in vigore da oggi, è stata firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza: «I dati non possono essere sottovalutati. L’Italia oggi sta meglio di altri, ma serve ancora grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora».

Le regioni indicate nell’ordinanza, oltre la Capitale, sono: Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts de France, Ile-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa Azzurra. A oggi, dunque, sono obbligati a sottoporsi al tampone tutti coloro che tornano da Spagna, Croazia, Grecia, Malta e da Francia. L’andamento dei contagi in settimana potrebbe far decidere per nuove ordinanze. Negli ultimi giorni, proprio in Francia, è stata un’autentica escalation. Quasi 14 mila nuove diagnosi al giorno, metà dei dipartimenti è ormai dichiarato in zona rossa. Cinquanta dipartimenti, a guardare la carta geografica, vogliono dire mezzo territorio nazionale, tutte aree di circolazione attiva del virus . Ma, nonostante la situazione sia così allarmante, le restrizioni nelle scuole francesi sono state allentate proprio adesso. Nuove regole per materne e elementari: l’aula viene chiusa solo se, all’interno della stessa classe, ci sono tre positivi. Se ce n’è uno solo questo deve restare a casa in isolamento.

Anche la Germania, finora con un tasso di contagi non preoccupanti, comincia a rivedere le regole contro il virus. I nuovi casi hanno appena toccato i 2.200 quotidiani, esattamente come ad aprile scorso in piena emergenza. A Monaco è stata resa obbligatoria la mascherina anche all’aperto in alcuni luoghi del centro storico e non potranno incontrarsi più di cinque persone. Monaco di Baviera stringe la morsa delle regole anti-Covid. L’allarme è concentrato nei Laender Nord Reno-Westfalia e Baviera.

Fonte: Il Mattino

Più informazioni su

Commenti

Translate »