Castellammare di Stabia. Baby gang in Villa: pestato un 50enne

Castellammare di Stabia. Baby gang in Villa: pestato un 50enne. Si lanciano su un cinquantenne che passeggia in bicicletta in villa comunale, poi cominciano a picchiarlo con pugni, calci e colpi di casco. Pochi secondi, ma quanto basta per lasciare l’uomo a terra, malridotto.

Un’aggressione violenta che si è consumata sul lungomare di Castellammare di Stabia nella tarda serata di giovedì sotto gli occhi di tante persone che passeggiavano in villa comunale in quel momento. Proprio alcuni passanti hanno allertato i soccorsi e le forze dell’ordine. Sul posto è giunta un’ambulanza del 118 e una pattuglia del commissariato di polizia di Castellammare di Stabia. L’uomo è stato portato al pronto soccorso dell’Ospedale San Leonardo dov’è stato medicato dai camici bianchi, che per fortuna non hanno riscontrato fratture o emorragie interne. Il cinquantenne se l’è cavata con contusioni ed escoriazioni su varie parti del corpo.

Gli agenti del commissariato di polizia – agli ordini del primo dirigente Pietro Paolo Auriemma – invece hanno fatto scattare le indagini, con l’obiettivo di risalire al branco, composto da almeno cinque giovani (secondo alcuni testimoni) che lo ha aggredito.

Stando a una prima ricostruzione pare che l’uomo avesse già un diverbio qualche mese fa con alcuni dei ragazzi che poi l’hanno aggredito. Possibile dunque che i giovani volessero fargliela pagare e hanno atteso il suo passaggio in bicicletta per pestarlo a sangue.

Un episodio che fa tornare alla mente la brutale aggressione al carabiniere Giovanni Ballarò avvenuta sempre in villa comunale da parte di sei persone che ora sono in carcere. Una spirale di violenza che non si arresta, nonostante le reazioni della società civile al pestaggio del militare dello scorso primo agosto.

Un problema che purtroppo diventa inarrestabile, soprattutto in alcuni quartieri dove crescono le nuove leve delle organizzazioni criminali che si formano anche facendo a botte in strada. Diventato un pericolo per la stragrande maggioranza dei cittadini perbene.

Fonte Metropolis

Commenti

Translate »