Vico Equense – Scrajo: staff negativo al tampone covid-19, riapre il ristorante

Continua lo screening allo Scrajo terme e sono tutti negativi i risultati dei tamponi pervenuti fino a questo momento. Lo scrive Ilenia De Rosa per il quotidiano Il Mattino.

I controlli per verificare eventuali contagiati, a seguito del matrimonio con un ospite positivo al Covid-19, stanno procedendo. Su 132 tamponi effettuati, oltre la metà sono risultati negativi. Si attendono gli altri esiti. Intanto la struttura ha riaperto: negativi, infatti, sono i risultati dei test su dipendenti e gestori. «Vi comunichiamo che lo Scrajo è stato chiuso per soli tre giorni scrive Danilo Di Vuolo, chef del ristorante, sul suo profilo Facebook – per scelta etica, senso civico e morale nei confronti di tutti e perché comunque si doveva ottemperare alla quarantena obbligatoria precauzionale. Pertanto i tamponi del personale tutto sono risultati negativi». La cerimonia risale al 19 agosto.

Dopo qualche giorno dai festeggiamenti gli sposi, entrambi residenti a Vico Equense, scoprono che il loro testimone, il giovane fratello della sposa, è positivo. Immediata l’attivazione dei protocolli di sicurezza: test a tutti gli invitati, ai dipendenti della struttura, ai musicisti e a quanti quella sera sono entrati in contatto con il 30enne positivo. Si tratta di un militare, che scopre di aver contratto il virus al suo rientro a Norcia, luogo dove lavora. Adesso sta bene. Ha avuto soltanto una leggera febbre per alcuni giorni. Il giovane è giunto a Vico Equense pochi giorni prima del matrimonio. Non ha fatto vita mondana: l’unica uscita è stata in occasione dell’addio al celibato del cognato presso una villa privata. Serata trascorsa con gli stessi invitati incontrati il giorno del matrimonio. Sulle terrazze dello Scrajo terme a festeggiare c’erano circa 70 persone, gran parte delle quali di Vico Equense. Oltre ai parenti e agli amici, sono ovviamente entrati in contatto con il giovane anche i gestori della struttura, i camerieri, gli addetti all’accoglienza, i musicisti e quanti hanno partecipato alla cerimonia. Una rete di contatti rintracciata facilmente e, ovviamente, messa sotto esame.

Il 30enne ha cominciato ad avvertire un certo malessere dopo qualche giorno, una volta rientrato a Norcia. Lunedì 24 il tampone e il giorno successivo il risultato: positivo al Covid-19. Gli sposi si sono impegnati subito personalmente per avvertire la struttura e tutti i loro ospiti. Il rispetto di tutte le procedure anti-Covid attuate durante la cerimonia, però, fa ben sperare. Così come anche i primi risultati pervenuti.

Commenti

Translate »