Turismo. L’appello dell’Abbac: “Aiuti concreti”

Turismo. L’appello dell’Abbac: “Aiuti concreti”. La filiera turistica ha bisogno di chi intende occuparsene, e non di chi la utilizzi per fini spot elettorali. Sottoponiamo i candidati presidenti e le coalizione ad un patto da sottoscrivere. La pandemia ha fatto emergere in tutta la sua drammaticità le gravi difficoltà del nostro settore, schiacciato da mancate scelte operative e azioni non coordinate. E’ evidente che le problematiche della regione sono tante ma occorre che siano indicate persone con competenze, ascolto ed impegno si occupino del nostro comparto. Settembre è alle porte e con esso le gravissime ripercussioni di una stagione compromessa, migliaia di lavoratori stagionali sono rimasti a casa, le indennità una tantum fanno fatica ad essere erogate come pure gli ammortizzatori sociali del governo e sono state lasciate all’oblio migliaia di famiglie che, avevano gestito sinora bed and breakfast e case vacanze, riuscendo a sbarcare il lunario con l’unica fonte di reddito grazie ai grandi flussi turistici degli ultimi tre anni . Le strutture ricettive hanno subito un colpo durissimo, in tanti non hanno proprio aperto e chi si è impegnato ad aprire, subisce un periodo difficile e complicato.  Chiediamo garanzie a chi comporrà la  terza commissione del consiglio regionale.

Commenti

Translate »