Massimo Giletti da due settimane vive sotto scorta dei carabinieri

Visto che nessuno lo scrive, lo scriviamo noi. Da un paio di settimane, Massimo Giletti vive sotto scorta dei carabinieri, a causa delle sue recenti puntate di Non è L’Arena su La 7, che facendo esplodere il bubbone delle centinaia di detenuti rispediti a casa loro, ha disturbato un bel numero di manovratori, i quali tutto volevano tranne che essere infastiditi.

Giletti è stato minacciato, indicato come bersaglio, additato al pubblico ludibrio del grande popolo mafioso e ‘ndranghetista da quel gentiluomo di Filippo Graviano, intercettato in carcere mentre, riferendosi proprio a Giletti e al giudice Nino Di Matteo, osservava senza fronzoli: “Il ministro fa il suo lavoro e questi… Giletti e Di Matteo rompono la minchia”.

Il che, dal punto di vista del mondo del crimine italiano, è indiscutibile, persino comprensibile. Ma è un bel titolo di merito, aggiungiamolo, per entrambi i destinatari dello sfogo rabbioso del boss stragista.
Ma come?

Era uscito su tutte le ruote il terno a lotto del coronavirus, si era trovato l’escamotage garantista del diritto alla salute, principio di civiltà che non può essere interdetto a nessuno, neanche ai manigoldi della peggior specie; si erano mescolate anzianità e patologie pregresse; studiato un percorso burocratico fatto su misura affinché non risultasse la volontà di un unico manovratore accomodante, bensì una decisione finale – quella del liberi tutti – che fosse talmente diluita da risultare, se mai lo scandalo fosse esploso, evanescente, impalpabile, persino ineluttabile.
Le cose, però, andarono diversamente.

Massimo Giletti – e molti continueranno a chiedersi all’infinito: chi glielo fece fare? – scatenò il putiferio.
Tanto scavò e tanto disse, tanto indagò, giornalisticamente parlando, e tanti sassi smosse, che il verminaio – finalmente – esplose in prima serata. Il putiferio, appunto.

Insomma, lo ricorderete: saltò fuori che, all’indomani della misteriosissima rivolta carceraria che provocò una dozzina di morti, esplodendo contemporaneamente nei penitenziari da un capo all’altro dell’Italia, le porte dei penitenziari – come per incanto – si erano spalancate per centinaia di mafiosi e criminali d’alto rango che così erano tornati a casa con tutte le carte a posto.

Saltò fuori, e questo invece per merito di una telefonata del giudice Nino Di Matteo in trasmissione, il precedente, a tutt’oggi chiarito per niente, del suo mancato incarico alla direzione delle carceri da parte del ministro della giustizia, Alfonso Bonafede. Incarico proposto – e questo non fa mai male ricordarlo – proprio dal Bonafede al Di Matteo, da questo accettato, ma proprio dal Bonafede rimangiato, nell’arco delle ventiquattro ore.

La miscela esplosiva – carceri svuotate e ministro sotto schiaffo – deflagrò ma – come usa dire – ubi maior minus cessat, e il problema diventò allora come salvare la poltrona al Bonafede, a dispetto dei santi, della verità e delle evidenze. Bel teatrino parlamentare, come da copione, e tutto alla fine si aggiustò.
Cosa resta oggi?
I mafiosi, innanzitutto.
Che in barba al pannicello caldo dei decreti retroattivi, nella stragrande maggioranza dei casi, sono rimasti a casa loro.
Il ministro Alfonso Bonafede.
Che ringalluzzito dal conforto degli onorevoli garantisti è rimasto inchiodato alla poltrona sua.
Infine, i giornali.
Che infastiditi dal Giletti che osava parlare di mafia, dimostrando di non sapere che ciò è consentito solo a chi si fregia del blasone dell’antimafia, ignorarono – letteralmente ignorarono – le puntate di Non è L’Arena. Una mezza dozzina di puntate.
Ma non fosse stato per Giletti, non avremmo neanche saputo che il mafioso era tornato a vivere sui nostri pianerottoli.
Ora Giletti vive scortato.
Ma almeno si abbia il coraggio di scrivere questo.

Fonte: Antimafia Duemila

Commenti

Translate »