Dagli Stati Uniti arriva uno studio che aiuta a distinguere l’influenza dal Coronavirus in base all’ordine dei sintomi, ma evitiamo comunque l’autodiagnosi

Più informazioni su

Con l’avvicinarsi della stagione fredda arriva anche l’influenza e, in questo periodo di emergenza, alla comparsa dei primi sintomi è inevitabile la preoccupazione non riuscendo a capire se si tratti di una semplice influenza oppure di Coronavirus, In aiuto arriva uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della California del Sud (pubblicato sulla rivista specializzata “Frontier in Public Health”) i quali hanno evidenziato come in molti casi il Covid-19 si differenzia dall’influenza stagionale non tanto per i sintomi, che sono simili, ma per l’ordine con il quale questi si manifestano.

L’analisi è stata condotta prendendo in considerazione i sintomi più comuni in entrambe le patologie ma resta comunque un’indicazione ed il consiglio è sempre quello di rivolgersi al medico di famiglia alla comparsa della prima sintomatologia.

Secondo i ricercatori l’ordine di comparsa dei sintomi nel Covid-19 è il seguente: febbre, tosse, dolori muscolari, nausea, vomito e diarrea.

Mentre l’ordine di comparsa dei sintomi in caso di influenza stagionale è: tosse, febbre, dolori muscolari, nausea, vomito e diarrea.

In pratica la differenza sostanziale è che, in caso di Covid-19, la febbre precede la tosse, mentre nell’influenza solitamente compare prima la tosse seguita da stato febbrile.

Ovviamente si tratta di uno studio che, seppur condotto da ricercatori e basato su dati scientifici, non costituisce una legge medica assoluta. Non dobbiamo quindi sottovalutare la presenza dei sintomi e cadere nel facile ripiego dell’autodiagnosi.

Non è quindi detto che se compare prima la tosse e poi la febbre è matematicamente escluso che non sia Covid. Queste informazioni servono a velocizzare il processo di diagnosi e aiutare i medici a renderlo più accurato ed efficace.

Più informazioni su

Commenti

Translate »