Capri. Panchine del parco occupate dalla storia

Capri. Panchine del parco occupate dalla storia. Al Parco Augusto a Capri “uniti dalla storia”. Originale “distanziamento culturale” realizzato dal Comune di Capri che sulle panchine e i punti di sosta all’interno dei giardini e degli spazi intitolati all’imperatore romano che sovrastano la storica via Krupp hanno fatto posizionare delle riproduzioni fotografiche dei grandi ospiti che hanno contribuito ad accrescere il mito dell’isola azzurra. “Gentili visitatori, accomodandovi sulle panchine – si legge nell’introduzione riprodotta anche in lingua inglese a quello che è un vero e proprio itinerario culturale e che è stata installata lungo la strada che conduce ai Giardini di Augusto – avrete l’occasione di ammirare il panorama in compagnia di alcuni degli illustri ospiti di Capri. Loro, che dai tempi remoti ad oggi hanno visitato, abitato e amato l’isola, l’hanno raccontata al mondo con le parole, con i colori, con le immagini. I loro nomi rimangono scolpiti nella roccia e nella storia isolana”. E così da oggi turisti e vacanzieri potranno sedere e “stare in compagnia” di August Kopisch, Hans Christian Andersen, Camille Du Locle, Friedrich Alfred Krupp, Emilio Mäyer, Charles Caryl Coleman, Shirley Hazzard, Soraya, Gracie Fields, Maksim Gor’kij, Jaqueline Kennedy, Julius Hans Spiegel, Elihu Vedder, Marchesa Luisa Casati Stampa, Pablo Neruda, Mona Strader von Bismarck , Norman Douglas, Audrey Hepburn. Un vero e proprio viaggio nella storia curato da Simona D’Angiola e Carmelina Fiorentino, che si è occupata anche delle traduzioni con il layout e progetto grafico di Umberto Natalizio, un team tutto caprese di esperti della storia isolana. Si parte da Kopisch e si arriva sino agli anni Sessanta del Novecento trasformando così il distanziamento dei protocolli in un’iniziativa alternativa e di alto spessore culturale.

Fonte Metropolis

Commenti

Translate »