Ventura striglia i suoi dopo il ko di Ascoli, squadra in ritiro fino a lunedì sera

Più informazioni su

    Se da un lato resta l’amarezza per il ko di Ascoli, dall’altro Gian Piero Ventura può sorridere per il recupero di ben quattro calciatori su cinque che hanno saltato la sfida del “Del Duca” per squalifica. Per la sfida di domani sera col Cittadella il tecnico granata infatti ritroverà i vari Aya, Lombardi, Maistro e Dziczek, una vera e propria boccata d’ossigeno considerando le due gare ravvicinate.

    Dovrebbero rientrare tutti nell’undici titolare ad eccezione del giovane Maistro il cui contributo però potrebbe servire a partita in corso. Ventura valuta di mandare i suoi in campo col 3-5-2, pronto a trasformarsi in 3-4-1-2. Il tecnico granata lavora dunque ad una vera e propria rivoluzione, almeno negli interpreti. Chi non dovrebbe accomodarsi in panchina è Pawel Jaroszynski, acciaccato dopo la gara di Ascoli ma pronto a stringere i denti ancora una volta. Se il difensore polacco dovesse alzare bandiera bianca, al suo posto di abbasserebbe Lopez. A completare la difesa saranno Aya e Migliorini con Billong che tornerà in panchina dopo la pessima prova di venerdì sera.

    A centrocampo Lombardi sarà titolarissimo sulla corsia di destra. In regia tornerà Dziczek con Akpa Akpro che potrebbe riposare, almeno nella prima parte di gara, e Kiyine sicuro di una maglia da titolare. Resta solo da capire se l’ex Chievo agirà da mezzala nel centrocampo a cinque o da trequartista a sostegno della coppia d’attacco. La linea mediana sarà completata da Di Tacchio – in vantaggio su Capezzi – al fianco di Dziczek e da uno tra Lopez e Curcio sull’out mancino. In attacco invece pochi dubbi: Gondo dovrebbe essere disponibile per partire dal 1′ e fare coppia con Djuric, tra i pochi a salvarsi nella disfatta in terra marchigiana. Difficile il recupero di Cerci.

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »