Il quotidiano britannico “Guardian” esalta la bellezza dei sentieri della Costiera Amalfitana

La bellezza ed unicità della costiera amalfitana è conosciuta in tutto il mondo e da sempre rappresenta una delle mete preferite dal turismo estero. Un territorio che coniuga perfettamente il mare con la montagna. Ed a rendere omaggio proprio ai sentieri della costiera amalfitana è il noto quotidiano britannico “Guardian” che dedica un suo articolo all’escursione che porta da Positano, definito dal quotidiano “borgo-gioiello” fino alla cima del Molare, descrivendola come “una delle più belle escursioni mai fatti in 30 anni di cammino”.

Viene descritto quello che rappresenta il punto più alto di tutta la Costiera Amalfitana con i suoi 1.444 metri di altezza. E vengono esaltati gli stupendi panorami che è possibile ammirare lungo il percorso e, soprattutto, una volta raggiunta la vetta, a partire dal Golfo di Napoli, posando lo sguarda sull’isola di Capri ed i Faraglioni per poi ammirare il Vesuvio.

Il “Guardian” concentra poi la sua attenzione su uno dei sentieri più belli al mondo e forse quello più amato dai turisti, ovvero il “Sentiero degli Dei” dal quale è possibile godere di una vista mozzafiato.

Si passa poi al sentiero che collega Amalfi e Scala con la lussureggiante Valle delle Ferriere interamente attraversata dal torrente Canneto e con l’atmosfera tipica da canyon.

Imperdibile il sentiero che conduce dal belvedere Fausto Coppi ad Agerola fino al Fiordo di Furore, uno dei luoghi più belli della costiera amalfitana.

E poi il cammino che conduce al Monte Falerzio, sulle cui pendici sorge il Santuario dell’Avvocata, che regala un’esperienza che coniuga natura, storia e tradizione religiosa popolare.

E non si poteva dell’abbinamento perfetto tra trekking e Costiera Amalfitana che troviamo nella città di Ravello, dove “ogni singolo rumore si trasforma in una magica sinfonia”.

Ancora una volta la costiera amalfitana diventa oggetto di elogi e riconoscimenti da parte di testate giornalistiche estere che non possono non esaltare la bellezza ed unicità del nostro territorio.

Commenti

Translate »