DOPO LA DENUNCIA DEL WWF – E DI UN COMITATO DI CITTADINI – SOSPESI I LAVORI DI DISBOSCAMENTO IN ATTO ALLA COLLINA DI VARANO NEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA. foto

DOPO LA DENUNCIA DEL WWF – E DI UN COMITATO DI CITTADINI – SOSPESI I LAVORI DI DISBOSCAMENTO IN ATTO ALLA COLLINA DI VARANO NEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA.

Di seguito un post apparso sulla pagina facebook del sindaco della città delle acque Gaetano Cimmino:

“Prendo atto delle parole del presidente e ci tengo a ricordare che il Comune aveva già provveduto a sospendere i lavori con nota prot. 31137 dello scorso 24 giugno, evidenziando l’assenza di un parere indispensabile per avviare il cantiere.

Spiace che questa presa di posizione sia arrivata solo ora, mentre un intero versante della collina è stato sfregiato, distrutto, devastato dalla sciatteria di chi ha commissionato quelle opere. Ci hanno parlato di lavori di pulizia, di manutenzione ordinaria, di semplici attività preliminari. Ma intanto hanno tagliato alberi, hanno distrutto tutto, hanno realizzato uno scempio senza eguali, facendo i padroni in casa altrui.

L’intervento dei carabinieri forestali, della polizia municipale e dell’ufficio tecnico comunale, da noi concordato e compulsato, ci consentirà di far luce su questa vicenda. E sono sicuro che la magistratura farà presto chiarezza e individuerà i responsabili. Così come sono sicuro che il governatore De Luca sarà in grado di far comprendere al suo consigliere speciale l’importanza della riapertura delle stazioni Castellammare Terme e Pozzano, essenziali per la nostra città. Sarà per la prossima diretta, attendo con fiducia.”

RESTA IL RAMMARICO DI AVER ASSISTITO AD UN DISBOSCAMENTO SENZA PRECEDENTI DI UN’INTERA COLLINA INIZIATO IN PIENO LOCK-DOWN E DURATO OLTRE DUE MESI!!

In pratica per risparimiare un minuto da Napoli a Sorrento fanno uno scempio, mettono a rischio l’ipogeo al di sotto della Villa Romana. Una galleria assurda , senza senso, che rappresenta anche un rischio idrogeologico in se per se, anche durante i lavori, basta vedere dove sono collocati e pensare che potrebbe succedere con piogge e colate di fango provocate dall’acqua,  come fa la Comunità Europea a dare questi soldi per opere inutili e dannose?

Commenti

Translate »