Addio Padre Ferruccio, la comunità di Piano di Sorrento non ti dimenticherà mai

Piano di Sorrento. Con la morte di Padre Ferruccio la città diventa un po’ più povera. Padre Ferruccio non era carottese di nascita e, come tutti i Padri Sacramentini, veniva dal nord, dalla città di Bergamo. Ma si era integrato perfettamente nella comunità della città della penisola sorrentina. Una delle peculiarità dei Padri Sacramentini è quella di non restare troppi anni nello stesso luogo ma di venire trasferiti dopo un certo periodo, solitamente in un arco temporale che va dai 5 ai 10 anni. Padre Ferruccio invece viveva nella comunità di Piano di Sorrento da circa 20 anni ed ha visto avvicendarsi intorno a lui altri sacerdoti e superiori. Ma lui restava qui, a Piano, dove tutti lo conoscevano ed amavano. Era impossibile non voler bene a Padre Ferruccio perché il suo modo di fare, la sua immensa dolcezza e delicatezza, la sua grande disponibilità e la sua innata bontà, ti attraevano e ti facevano sentire accolto e benvoluto. Forse la migliore definizione di Padre Ferruccio è proprio questa: un’anima pura, nel senso più alto e nobile del termine.

Amava le nostre tradizioni Padre Ferruccio, le aveva subito fatte sue. Viveva con fede e profonda partecipazione i riti della Settimana Santa con le processioni degli incappucciati. E da anni non perdeva l’appuntamento con la processione della Madonna delle Grazie di Marina di Cassano, che accompagnava lungo tutto il percorso e di cui sicuramente quest’anno aveva avvertito la mancanza.

Non si stancava mai Padre Ferruccio. Sempre pronto a portare la Buona Parola ovunque ce ne fosse bisogno. La sua grande missione era quella di recare conforto alle persone malate ed anziane che non riuscivano più a partecipare alla Santa Messa. E lui le raggiungeva presso le proprie abitazioni per ascoltarle e per donare loro il conforto della Santa Comunione. Ha macinato chilometri e chilometri a piedi e con la sua Vespa bianca, con il caldo e con il freddo, pur di raggiungere un’anima bisognosa.

Una delle immagini che resta nel cuore è quella del suo camminare silenzioso e discreto nel cimitero di Piano di Sorrento nel giorno della commemorazione dei defunti, un passaggio tra tutte le tombe recitando il Santo Rosario e donando una parola di sostegno o uno sguardo di conforto quando vedeva qualcuno piangere per un proprio caro scomparso.

Ed amava cantare, le sue celebrazioni sia domenicali che feriali non potevano essere prive dei canti gioiosi.

Ed in tutte queste sue caratteristiche Padre Ferruccio ricorda un suo predecessore che in tanti non avranno dimenticato: Padre Zaccaria. Anche lui nella comunità di Piano di Sorrento per tantissimi anni, con la stessa dolcezza e bontà di Padre Ferruccio, con lo stesso impegno nel seguire il suo gregge, con lo stesso amore per il canto.

Ed ora entrare nella chiesetta in Piazza Cota e non vedere più Padre Ferruccio seduto a pregare davanti al Santissimo Sacramento sembrerà una cosa impossibile. Ed è difficile da accettare. Ma noi sappiamo che Padre Ferruccio continuerà ad essere lì, su quella panca a pregare il Signore. Quello che ha donato in tutti questi anni resterà nel cuore di ognuno.

Riposa in Pace Padre Ferruccio. Ora sei tra le braccia del Padre, puoi contemplare il suo volto da vicino. Ma a noi carottesi lasci un vuoto immenso. Desideriamo ringraziati di cuore per tutto quello che ci hai donato in questi anni, per la tua presenza costante e rassicurante, per la tua testimonianza di fede. La comunità di Piano di Sorrento non ti dimenticherà mai.

padre ferruccio
lutto padre ferruccio

Commenti

Translate »