Quantcast

Sorrento. Spiagge libere invase, non bastano i vigilantes

Sorrento. Tutti a mare , i Campania si vogliono dimenticare dell’emergenza coronavirus covid-19, una normale reazione psicologicca probabilmente, ma le regole non vengono rispettate. Almeno a giudicare dal gran numero di bagnanti che anche nell’ultimo weekend si sono riversati sulle spiagge della Costiera. Lettini ed ombrelloni pieni, pochi i posti rimasti inutilizzati sugli stabilimenti, ma, soprattutto, sui tratti di costa liberi.
Il fine settimana ha rappresentato anche l’occasione per testare i dispositivi messi a punto per garantire l’accesso al mare in sicurezza e nel rispetto delle misure anti-contagio. A Sorrento, ad esempio, sono entrati in servizio i vigilantes chiamati a sorvegliare Marina Grande, la parte di Puolo in territorio sorrentino e anche i Bagni della Regina Giovanna. Ed è proprio qui che, come prevedibile, sono state rilevate le maggiori criticità. «Sabato tutto sommato è andata bene, ma oggi (ieri, ndr) è il caos», confessano i due ragazzi chiamati a sorvegliare l’ampia scogliera della punta del Capo di Sorrento, come scrive Massimiliano d’Esposito su Il Mattino di Napoli .
Il loro compito, come prevede il provvedimento del Comune, è di far rispettare i decreti e le ordinanze che impongono «il distanziamento sociale di almeno un metro ed il divieto di assembramento» attraverso «il corretto posizionamento dei bagnanti nelle spiagge libere». In pratica, però, davanti al flusso continuo di centinaia di ragazzi risulta praticamente impossibile assicurare quanto richiesto. E così i due giovani – che non hanno potere sanzionatorio e nel caso di necessità devono avvertire la polizia municipale – possono solo invitare i bagnanti a rispettare le norme e, soprattutto, a non lasciare in giro i rifiuti, anche se poi alla fine passano la maggior parte del tempo a raccogliere la spazzatura abbandonata. Tutto ciò mentre molti giovani, incuranti dei rischi, si arrampicano sugli scogli per raggiungere il versante de La Solara che dovrebbe essere off-limits visto che manca la passerella di collegamento. L’unica soluzione potrebbe essere il contingentamento degli accessi, mentre almeno con l’attivazione della guardiania all’imbocco della strada si è evitato il via vai di scooter lungo la stradina che conduce al mare.
Tutto nella norma a Massa Lubrense dove per accedere alle spiagge libere è necessario prenotare contattando il Parco di Punta Campanella (solo i residenti) o i singoli affidatari, in attesa dell’arrivo di una app dedicata. Solo a Marina di Puolo qualche problema nel distanziamento tra gli ombrelloni. Da mercoledì apre la Cala di Puolo, mentre resta chiusa la Concazzurra. App già attiva a Meta. Si chiama metabeach.
A Sant’Agnello ieri spiaggia di Caterina di nuovo aperta dopo gli interventi di pulizia e livellamento della sabbia. Anche al borgo di Marina di Cassano, a Piano di Sorrento, non si registrano problemi.

Commenti

Translate »