Sorrento, albergatore fa causa al Comune: chiesti 460 mila euro! Ecco perché

Una richiesta di risarcimento record per un albergatore di Sorrento, per un motivo abbastanza particolare. Il titolare di un noto albergo di via Capo, ha deciso di agire per vie legali poiché, a suo dire, avanzerebbe dal Comune circa 460 mila euro.

Nel dettaglio, quest’ultimo ha dichiarato di aver stipulato un contratto di locazione-albergo a favore di terzi, cittadini di Sorrento senza tetto, per il periodo che va dal 11/10/2013-31/01/2014 a fronte di un corrispettivo giornaliero di 625,00 euro.

Stando sempre stando a quanto sostiene l’imprenditore, il Comune doveva liberare le camere locate, appunto, il 31 gennaio 2014, ma gli sarebbero state riconsegnate soltanto il 7 febbraio del 2016, con un ritardo di 736 giorni. Per cui, ha pensato di chiedere un risarcimento al Comune sulla base di quanto era stato preventivato nel periodo che andava dall’11 ottobre 2013, al 31 gennaio 2014, ovvero 625 euro al giorno: ecco che si arriva ad una cifra monstre di 460 mila euro.

I fatti sono legati all’affidamento dei servizi di ospitalità e pernottamento dei nuclei familiari residenti di alcune abitazioni di Via degli Aranci che furono dichiarate inagibili a causa di un dissesto statico dell’edificio condominiale.

La controversia si instaura a seguito della sottoscrizione del contratto rep. 1041 del 02/04/2014 ad opera dell’allora Dirigente del III/IV Dipartimento Ing. A. Donadio; in relazione a tale atto venivano corrisposti dall’Ente compensi a favore dell’albergatore per complessivi 69.000,00 euro, somme queste ritenute dal ricorrente non sufficienti in relazione alle presunte prestazioni rese anche all’indomani della scadenza della convenzione (31/01/2014).

A seguito dell’acquisizione, al protocollo comunale, del suddetto ricorso, è sorta contestazione, da parte degli attuali Dirigenti del III Dipartimento, Ing. Puglia, e del IV Dipartimento, Ing. Donadio, riguardo le competenze in materia, al fine del conferimento della relativa procura a favore del legale interno per la costituzione in giudizio dell’Ente.

Per questa ragione, il Comune di Sorrento ha deciso per la tempestiva costituzione in giudizio dell’Ente nella suddetta lite, conferendo il relativo incarico al legale interno.

Commenti

Translate »