Ravello e Roberto Gervaso. Il ricordo di Secondo Amalfitano

Ravello e Roberto Gervaso. Il ricordo di Secondo Amalfitano

Ho avuto il piacere di conoscerlo e di potergli offrire qualche attenzione durante il suo soggiorno a Ravello. Simpatico e arguto, mi chiese se davvero l’aria di Ravello fosse afrodisiaca e aggiunse: “se è vero, mi trasferisco qui”.
Quando partì mi salutò dicendomi che aveva lasciato un biglietto per me in albergo (il vecchio Caruso); lo conservo gelosamente, mi aveva scritto:
” Grazie per l’accoglienza! I suoi amministrati dovrebbero farle un monumento per quello che fa per loro. A presto. “ Si firmò : Roberto Gervaso suo aspirante suddito!
Grazie e che il tuo viaggio ti porti dove non sono l’aria è afrodisiaca.

Commenti

Translate »