Positano e il flash mob antilega, compaiono le lenzuola: “Io non mi lego” – FOTO fotogallery

La protesta delle sardine a Positano parte dalle lenzuola esposte ad esprimere il totale dissenso dell'adesione alla Lega Salvini

“Positano non si Lega”, è ciò che recitano gli striscioni apparsi sulla maggior parte delle abitazioni della città verticale. In tanti si oppongono all’adesione del comune alla Lega di Salvini ed alla cerimonia che tale partito ha in programma per questo 2 giugno nei comuni dell’intera regione.

positano non si lega "Positano non si lega" sui cancelli del Palazzo Murat

Il “flash mob” ha avuto inizio da un’idea di Luca Vespoli, capogruppo dell’opposizione a Positano, che ha diffuso il messaggio Pronti con le lenzuola #Positanononsilega #iononmilego, rilanciando lo slogan del Movimento delle Sardine, nato proprio per contrastare il partito dell’ex ministro dell’interno Matteo Salvini. Anche l’ex sindaco di Positano, Domenico Marrone, stigmatizza l’affiliazione della sua città alla Lega Salvini e, come annunciato, aveva in programma unamanifestazione per il 2 giugno per festeggiare in piazza la festa della Repubblica” poi annullata. Scenari di un comune che si affaccia timidamente verso le prossime elezioni comunali? O semplicemente una protesta antilega?

Intanto il primo cittadino di Positano, Michele De Lucia, ha annunciato che “Nello spirito di unità del centro destra, alla manifestazione di domani parteciperà anche una delegazione di Forza Italia“. L’evento, come ormai noto, si terrà a partire dalle ore 11 presso via Bragantino, e vedrà anche la presenza dell’europarlamentare Lucia Vuolo.

Commenti

Translate »