POLITICA E TERRITORIO LE RIFLESSIONI DI MARIO GARGIULO

Elezioni comunali 21 settebre 2020

Se c’è una cosa che questa emergenza mi ha insegnato è che, da soli, non si va da nessuna parte. Una situazione straordinaria come questa richiede risposte veloci e altrettanto straordinarie, che mettano in campo tutte le parti pulsanti della città, le sue eccellenze e tutte le competenze che abbiamo a disposizione. Gli uomini soli al comando? Non funzionano più. Serve stimolare il dialogo e l’apertura, serve superare le divisioni e portare il proprio contributo senza trattative di palazzo e tornaconti personali. Il mio percorso è iniziato circa un anno fa con questa stella polare, quando con il movimento #SORRENTICISTO abbiamo costruito un contenitore che, piano piano e silenziosamente, ha aggregato e sta continuando ad aggregare. Abbiamo coltivato un’idea di città pre pandemia e, oggi, abbiamo l’ambizione di coltivarne una nel mondo nuovo post-Covid, aprendo ai contributi di tutti.
Nel frattempo, un nemico invisibile ha scombussolato le nostre vite e ci ha tolto molti punti di riferimento. È per questo che ora serve essere uniti e ripartire dalle idee. Da oggi iniziamo a programmare questo nuovo inizio insieme a cinque realtà cittadine ben assortite, tutte consapevoli che sarà necessario un nuovo approccio, essere persone nuove. Siamo consapevoli che solo così abbiamo la possibilità di superare la crisi che ci aspetta. Da oggi “La Grande Sorrento”, “Il Ponte”, “Con Noi per Sorrento”, “#SorrentoCiSto” e una quinta lista, fatta di professionisti provenienti dalla società civile, lavoreranno insieme al futuro della nostra città. La squadra è di livello, ve lo assicuro, ed è un mix tra esperienza amministrativa, volti nuovi e giovani di ottime speranze. A chi ha fatto parte dell’amministrazione uscente ho chiesto di essere capace, senza rancori, di rimettere sul piatto della bilancia quello che è andato storto nell’ultimo mandato, e di continuare a credere con cuore e convinzione in quanto di buono si è riuscito a realizzare.
Insieme a tutti loro trasformiamo quel “Sorrento ci sto” di un anno fa in “Sorrento ci siamo”, pronti a costruire insieme un visione diversa di città, green, innovativa e più attenta al benessere dei cittadini. Il lavoro di squadra è il carburante che permette a persone comuni, fallibili come tutti noi, di raggiungere risultati non comuni. Per questo scegliamo di prendere la strada del buon senso e della massima apertura. In un momento così difficile gli occhi dei cittadini sono puntati su di noi, sul nostro operato, ed è per questo che servono serietà, unione e solidarietà.
Un saluto a tutti, spero di poter scambiare presto due chiacchiere con tutti voi.
Mario
L'immagine può contenere: Mario Gargiulo, in piedi e spazio all'aperto
<img class="j1lvzwm4" src="data:;base64, ” width=”18″ height=”18″ />
<img class="j1lvzwm4" src="data:;base64, ” width=”18″ height=”18″ />
Tu, Gaetano Mastellone, Salvatore Piedimonte e altri 65
Commenti: 7
Condivisioni: 3

Commenti

Translate »