Quantcast

Penisola Sorrentina. Firmato protocollo tra Comuni, ASL, Albergatori e Fondazione Sorrento

Tampone in poche ore e spazi dove isolare eventuali casi sospetti di Covid-19 in attesa del ricovero in strutture specializzate. Il progetto si chiama Penisola sicura e vede Comuni, albergatori, Fondazione Sorrento e Asl Napoli 3-Sud uniti per trasmettere sicurezza ai turisti.

Alla base del protocollo firmato questa sera a Villa Fiorentino, la prestigiosa sede della Fondazione Sorrento, c’è la disciplina dei comportamenti in caso di sospetto contagio, e, soprattutto, l’acquisto da parte di Federalberghi di un’apparecchiatura per l’ospedale di Sorrento che consentirà di avere in poche ore il risultato dei test.

“Siamo felici di aver dato l’impulso a questa iniziativa – spiega Gaetano Milano, AD della Fondazione Sorrento -. In questo particolare momento storico è fondamentale la cooperazione tra pubblico e privato per garantire la sicurezza di quanti scelgono di trascorrere le proprie vacanze nella nostra terra”. “Siamo particolarmente soddisfatti di aver aderito a questo progetto caratterizzato dalla forte sinergia tra operatori del turismo ed istituzioni pubbliche che consentirà ai nostri ospiti di godere delle bellezze della penisola sorrentina in sicurezza – aggiunge il presidente di Federalberghi Penisola Sorrentina Costanzo Iaccarino -. Questo tipo di iniziative rientrano in quella cultura dell’ospitalità che ha reso la Costiera una delle destinazioni turistiche più apprezzate al mondo”.

Il protocollo è stato firmato dal direttore dell’Asl Napoli 3-Sud, Gennaro Sosto, dal sindaco di Massa Lubrense Lorenzo Balducelli, dal sindaco di Piano di Sorrento Vincenzo Iaccarino, dal sindaco di Meta Giuseppe Tito, dal sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore, dal vice sindaco di Sant’Agnello Giuseppe Gargiulo e dal rappresentare del sindaco di Sorrento, il consigliere comunale Emilio Stefano Marzuillo.

“Abbiamo fatto un buon lavoro in tempi rapidi per trovare il necessario equilibrio per garantire un soggiorno tranquillo a quanti scelgono di visitare la penisola sorrentina – sottolinea il direttore Sosto -. Un accordo che conferma l’impegno di amministratori pubblici, imprenditori e responsabili sanitari contro la diffusione del Covid-19”.

Commenti

Translate »