La fotonotizia di Positano News

No al carcere per i giornalisti, oggi iniziativa a Napoli

Napoli – Oggi alle ore 11 nella sede del Sugc, ci saranno il segretario generale Fnsi Raffaele Lorusso e, in collegamento, il presidente Giuseppe Giulietti, segretario e presidente dell‘Assostampa, Claudio Silvestri e Gerardo Ausiello, l’avvocato del sindacato Giancarlo Visone, che il 12 marzo 2019 ha presentato l’eccezione di incostituzionalità su cui la Consulta si pronuncerà domani 9 giugno 2020. Un incontro per dire no al carcere per i giornalisti e alle querele bavaglio alla vigilia della decisione della Consulta sulla costituzionalità della pena detentiva per il reato di diffamazione a mezzo stampa, prevista dal codice penale e dalla legge sulla stampa. Ricordiamo ancora una volta che il vaglio della Consulta si concentrerà sull’articolo 13 della legge sulla stampa, la n.47 del 1948, e sull’articolo n.595, terzo comma del Codice Penale: la prima disposizione punisce la diffamazione a mezzo stampa con la reclusione da uno a sei anni e la multa non inferiore a 256 euro mentre la seconda – diffamazione aggravata dall’uso della stampa – viene punita con la reclusione da sei mesi a tre anni o la multa non inferiore a 516 euro. Una decisione quella dei giudici costituzionali molto attesa: è legittima la pena del carcere per i giornalisti condannati per diffamazione a mezzo stampa? Domani sapremo ma intanto con addetti ai lavori e rappresentanti sindacali si fa il punto su una professione che in Italia è chiamata a difendersi da crisi del settore e libertà messe in forse.

a cura di Luigi De Rosa

(nella foto tratta www.fnsi.it: Claudio Silvestri (al centro) con il segretario generale Lorusso e il presidente Giulietti)

Commenti

Translate »