LE STREGHE IN SERIE A …. UN BENEVENTO DA RECORD BATTE LA JUVE STABIA E LA CITTA’ SI COLORA PER LA GRANDE FESTA

Benevento in serie A, città si sveglia “giallorossa”

Norme anticovid quasi sempre ok. A New York nasce panino StregA

BENEVENTO, 30 GIU – Benevento si risveglia promossa in serie A e tutta colorata di giallorosso dopo una lunga notte di festeggiamenti con migliaia di tifosi scesi in piazza a salutare la squadra, il tecnico Pippo Inzaghi e il presidente Oreste Vigorito. Fuochi d’artificio, fumogeni, clacson, caroselli di auto hanno fatto da scia ai quattro minibus con a bordo i calciatori che hanno attraversato, subito dopo il fischio finale della partita, le strade della città “abbracciando” simbolicamente le migliaia di supporter.
In molti lo hanno fatto con rispetto e compostezza, come richiesto dal sindaco di Benevento Clemente Mastella e dal presidente Vigorito alla vigilia del match, e qualcuno no, perché non ha saputo resistere alla gioia lasciandosi andare a qualche abbraccio.
Di sicuro, però, non c’è stato bisogno del “lanciafiamme” di De Luca per rispettare le regole dettate dal Covid. Benevento e l’intero Sannio hanno saputo festeggiare la “notte dello Strega” con gioia, passione, e correttezza. In numerosi comuni della provincia, come Telese Terme o Montesarchio, sono scattati i caroselli d’auto fino alle prime luci del mattino. Nella stessa città di Benevento i locali sono rimasti aperti fino alle prime luci dell’alba. Per tutta la notte giungono gli auguri e i complimenti da ogni angolo d’Italia e del mondo dove vivono e lavorano tanti sanniti entusiasti del successo della squadra giallorossa. Anche gli Stati Uniti e, in particolare, la comunità italiana e sannita di New York ha festeggiato il ritorno in serie A della Strega: il montesarchiese “Pisillo”, celebre ormai per i suoi panini che fanno impazzire Manhattan ed il sindaco Bill De Blasio, ha varato il panino “StregA”. Per una notte a Benevento e nel Sannio non ci sono distinguo, differenze sociali o di colore politico, divisioni tra le istituzioni. C’è un unico coro che urla: “Grazie Benevento”.

Commenti

Translate »