Le rubriche di Positano News - Viabilità

Collegamenti post covid in Costa d’Amalfi e del Cilento: cosa cambia rispetto all’anno scorso

Costa d’Amalfi/Cilento. Il dopo lockdown significa ancora paura di prendere i treni. E, con meno gente che viaggia, Trenitalia ha ridimensionato corse e Freccerosse nei collegamenti per il sud. Sicurezza e aiuto al turismo, mantenendo efficienti i collegamenti sono le parole d’ordine. Ma la differenza con un anno fa c’è e si vede anche nei numeri, ce ne parla Gigi Di Fiore per Il Mattino.

Come l’anno scorso, sempre nella filosofia di incentivare il turismo che sarà soprattutto interno, ritorna da domani la formula integrata treno-navetta. Collegherà le località cilentane con la linea Frecciarossa Torino- Reggio Calabria. Sono i quattro treni come lo scorso anno, che sono confermati. Due fermeranno a Sapri, Vallo della Lucania, Agropoli, Pisciotta-Palinuro. Il Frecciargento Venezia-Reggio Calabria fermerà invece a Napoli, Salerno, Sapri, Capaccio. Servizi navetta porteranno agli scavi di Velia, ma anche a Casalvelino, Pioppi, Acciaroli, Pisciotta, Palinuro, Marina di Camerota.

È il collegamento con il Cilento, mentre con la costiera amalfitana da Salerno c’è un collegamento via mare. I 1500 treni regionali, quelli che sopportano il maggior carico di viaggiatori estivi locali, sono confermati con una novità per le restrizioni anti-covid. I posti saranno segnati da un marker che indica dove ci si può sedere. Una app per telefonino consentirà di sapere, prenotando il biglietto, la disponibilità di posti sul Regionale. Un modo per monitorare i passeggeri. Alla stazione di Pompei, ci sarà il collegamento navetta con gli scavi. Ma di certo sarà un’estate molto difficile sotto il profilo della fruizione dei trasporti pubblici.Insomma, meno treni, meno linee, ma tendenza, a passeggeri diminuiti, ad assicurare gli stessi servizi turistici dello scorso anno. «Per ora è così – spiegano a Trenitalia – La ripresa ha ridimensionato gli utenti e la domanda non consente di avere gli stessi numeri e standard dello scorso anno. Cerchiamo, però, di ripartire con i servizi integrati treno-navetta, anche per i Regionali, e le offerte che non aumenteranno il costo dei biglietti».

Commenti

Translate »