Sorrento. Una riflessione del chimico Raffaele Attardi: “Dobbiamo ripartire, ora servono prevenzione e cura”

Sorrento. Un’interessante riflessione del chimico Raffaele Attardi, pubblicata sul suo profilo Facebook: ” Dobbiamo ripartire. Adesso dopo questa orgia di protocolli, serviti principalmente per distanziare i Cittadini, serve la prevenzione e la cura. Ci vuole una profonda riforma dei servizi sanitari territoriali di assistenza e prevenzione, da realizzare in modo omogeneo in tutta Italia.Bisogna partire rendendo pubblico il piano di gestione dei rischi per sapere cosa bisogna fare e chi deve farlo in caso del riaccendersi dell’infezione.
Poi e indispensabile ridefinire il ruolo del Medico di Famiglia, che deve essere la prima sentinella ed il primo aiuto contro le infezioni. Bisogna che il servizio sia svolto da un pool di professionisti h24, cioè disponibile sempre: non si può immaginare che un medico part time e con migliaia di assistiti svolga questo ruolo.

Poi a seguire ci vogliono ambulatori di analisi capaci di diagnosticare in tempi brevi i casi sospetti e un’organizzazione capace di individuare e bloccare la catena di diffusione del contagio. E una organizzazione che renda disponibile strutture adeguate, distinte dagli ospedali, temporanee e non necessariamente ospedaliere, capaci di curare i contagiati e garantire, nel rispetto delle libertà individuali, una quarantena senza rischi.

Troppi morti e troppo dolore sono stati causati da queste carenze. Auguriamoci che tutto questo accada prima che arrivi l’influenza invernale… altrimenti finiremo di nuovo tutti a casa, chi con la febbre, chi con i brividi di terrore. Bisogna uscire più forti dalla crisi, non pieni di paure”.

Commenti

Translate »