Quantcast

Massa Lubrense. Ciclista attaccato per la mascherina, ma è obbligatoria. Gente sclera

Massa Lubrense (Napoli). Un episodio avvenuto a Massa, ma poteva essere Sorrento, Sant’Agnello, Vico Equense, Positano, ovunque vi siano persone sclerate, ecco la lettera che riceviamo e pubblichiamo.

Finalmente si ritorna alla “quasi “normalità!
Gentilissimo direttore sono Francesco Cioffi, collaboratore dell’avv Pecchia , molto conosciuto in penisola anche come eccellente pedalatore e organizzatore di gare ciclistiche. Le voglio raccontare ciò che mi è accaduto stamane sulla via che porta a Massa Lubrense ore 7.50 . Come ben sa il nostro Governatore De Luca con ordinanza ha concesso a noi sportivi di poterci allenare su strada, oltrepassando anche i confini comunali e senza l’uso obbligatorio della mascherina tra le ore 6 e le ore 8.30. Come faccio da lunedì u.s. parto dalla mia residenza e mi reco a Massa Lubrense pedalando in solitudine per un paio di orette . Questa mattina ritornando alle vecchie abitudini di cui faccio riferimento nel titolo, un furgoncino che porta il pane ..(l’ho identificato e mi riservo di agire) mi stava letteralmente investendo. Circolando ad andatura elevata nonche incurante della mia presenza in strada mi ha costretto ad una manovra acrobatica per evitare il peggio. Lo ringrazio per aver messo alla prova i miei riflessi..ma preferivo avere dubbi su questi ultimi. Ma non è tutto! Come le raccontavo rimango ulteriormente basito e deluso da quanto poi è ulteriormente capitato (questa volta anche in presenza di testimoni ben 4 persone) e sono pronto a raccontarle. Arrivato quasi a Massa Lubrense ,nelle vicinanze di un parcheggio, mi sento urlare da un automobilista appena sceso dalla propria vettura che devo indossare la mascherina! caso ha voluto che mi fermo in piazza a Massa per una sosta ristoro e vengo raggiunto da codesto individuo il quale non essendo certo che l’ avessi sentito mi urla di nuovo contro, questa volta con toni ben più accesi! A tal proposito rispondo che non è obbligatorio in bici , e che sono nel rispetto dell’ordinanza ,anzi lo invito a mia volta a fargliela indossare correttamente in quanto era lui stesso ad averla solamente poggiata sul mento!
Codesto individuo sbraitando come un pazzo e facendo la sua invettiva finiva in bellezza con queste parole “ spero che il padreterno ti tolga 3 anni di vita”.Beh che dire per me che ho perso una zia a fine marzo e un amico in Lombardia è stato un colpo durissimo. Pensavo che questa pandemia Covid e la quarantena ci avessero fatto migliorare anche nell’amore verso gli altri…invece a quanto pare siamo tornati “quasi “alla normalita solo più esauriti e poveri.
Mi scuso per lo sfogo . # andratuttobene

Francesco

Aggiungiamo noi che molti si arrogano il diritto di intervenire con ignoranza infinita, sul condomino che passeggia sul suo giardino, sui bambini sotto i sei anni che non devono indossare la mascherina, anzi non devono perché potrebbe essere pericolosa per le vie respiratorie , insomma tutti diventati poliziotti, tutti a segnalare, tutti a giudicare, il virus dell’ignoranza non si debella mai

Commenti

Translate »