L’Italia verso la riapertura. De Luca deciderà il 2 giugno come comportarsi nei confronti delle altre regioni

Più informazioni su

L’Italia verso la riapertura. De Luca deciderà il 2 giugno come comportarsi nei confronti delle altre regioni. L’Italia va verso la riapertura degli spostamenti tra regioni. La data dovrebbe essere fissata al 3 giugno, anche se la certezza ancora non c’è e potrebbe slittare di una settimana. Non mancano i contrasti: «Se si riparte, lo si fa senza distinzioni», dice il ministro delle Autonomie Francesco Boccia che si scontra con il governatore sardo Christian Solinas sul passaporto sanitario. Oltre le polemiche, però, l’attenzione è massima: «La prossima settimana ci avviamo a una sfida importante: sarà liberalizzata la mobilità tra le regioni e quella internazionale. Cè bisogno di un più attento e preciso monitoraggio per rispondere laddove si dovessero verificare casi o piccoli focolai» dice il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, in audizione in commissione bilancio alla Camera .

Per quanto riguarda la nostra regione, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha lanciato l’operazione «Campania Sicura»: come comportarsi nei confronti delle altre regioni sarà deciso solo «il 2 giugno» in base ai dati. Di certo è che se il governo riaprirà i confini lui dovrà adeguarsi, ma mantenendo sempre una «vigilanza attiva». La preoccupazione è alta: «Anche per la Campania il turismo è una componente fondamentale del Pil — fanno presente dall’entourage del governatore Vincenzo De Luca —. Ma da quando è scattata la fase 2, il 4 maggio, abbiamo contato almeno 30 mila rientri dal Nord e in tanti avevano la febbre…».

Più informazioni su

Commenti

Translate »