Atrani, continua lo scontro politico: il sindaco De Rosa Laderchi in risposta alla minoranza

Costiera amalfitana, Atrani. Continua lo scontro politico tra il sindaco Luciano De Rosa Laderchi ed il gruppo di minoranza “Atrani Unita” rappresentato da Francesco Gambardella ed Emiddio Proto.

Di seguito riportiamo il testo firmato dal primo cittadino di Atrani:

Cari consiglieri Gambardella e Proto,
Condivido: non c’è peggior sordo di chi non vuole ascoltare.
Voi ribadite, nel nuovo comunicato, di aver offerto la vostra collaborazione e di aver chiesto dialogo senza però essere ascoltati.
Io ribadisco che ciò non corrisponde a verità!
Per due volte abbiamo avuto modo di sentirci e dibattere e da questo dialogo, anche su vostre precise sollecitazioni, è emersa la necessità di incrementare le risorse destinate al fondo di solidarietà alimentare. Questo da 5905 euro trasferiti dalla stato è stato portato a 8.655 euro con un incremento pari al 46%. Agli 8.655 euro vanno poi aggiunti i 700 euro di donazioni per un totale di 9.355.
Si è riuscito in questo modo a soddisfare, come anche da voi auspicato durante gli incontri, “le fasce deboli della popolazione”, 59 famiglie per un totale di 139 cittadini, che hanno manifestato attraverso autocertificazione, come richiesto dalla norma, il loro stato di necessità.

Nessuno è rimasto a piedi!
Non abbiamo invece condiviso la vostra richiesta di “ricorrere a buoni nominativi” scegliendo di utilizzare l’altra opzione consentita dalla norma, cioè di acquisire e distribuire generi alimentari o prodotti di prima necessità. Non ripeto le ragioni che hanno spinto l’amministrazione ad orientarsi su questa scelta perché le ho già sufficientemente esposte.
Si può dissentire certamente, ma questo non significa mancanza di ascolto.
Ma veniamo al dunque.
Qualcuno crede ancora che viviamo ai tempi in cui i cittadini, sprovveduti, erano costretti ad elemosinare diritti fatti passare per favori? tempi in cui dissentire scatenava le ire del “potente” di turno?
Qualcuno crede che ci si vende ancora per un tozzo di pane? Che bastano false promesse, menzogne e calunnie per creare divisioni e contrasti nella popolazione?
Siamo ancora in tempi in cui sarebbe sufficiente “mettersi in mostra pubblicamente nei pressi del comune” o “consegnare personalmente il pacco” per fare “propaganda elettorale”?
E’ questa la considerazione che avete dei nostri concittadini?
Capite adesso cosa intendo quando dico che offendete l’intelligenza, la dignità e l’onestà degli atranesi?
Oggi, è bene saperlo, la stragrande maggioranza dei cittadini non sono più poveri sprovveduti: conoscono i propri diritti, si informano, pretendono rispetto!
Questa è la verità!!

Il sindaco
Dott. Luciano De Rosa Laderchi

Commenti

Translate »