Nel ricordo di Giovanni Caso

E’ trascorso un anno dalla prematura scomparsa dell’avvocato Giovanni Caso, abile civilista patrocinante in Cassazione, specializzato in diritto marittimo e bancario, appassionato di motociclismo e biliardo, affermato velista, al punto da poter annoverare la partecipazione a quasi tutte le edizioni della regata Brindisi-Corfù. Lo ricordiamo innamorato della vita e dispensatore di entusiasmo, ha lasciato un vuoto enorme in quanti lo hanno incontrato anche solo per circostanze di lavoro o di svago. Il suo amore per la famiglia e per gli amici ha lasciato indelebile il segno di una vita – seppur breve – vissuta in pienezza per fare del bene al prossimo. Giovanni Caso è stato un memorabile interprete della migliore poesia napoletana, alla cui cultura era legato per origini familiari (il papà Lauro Caso è un ex pilota di porto originario di Meta), ha saputo insegnare a chiunque lo abbia conosciuto l’arte di osare la gioia, che solo chi abita la poesia sa esaltare, e ne è stato degno interprete fino all’ultimo respiro. Gli è già stato intitolato uno dei trofei della regata, mentre una giornata di approfondimento in materie giuridiche e deontologia forense organizzata in suo ricordo è stata rinviata a causa dell’emergenza covid 19. Sempre per quest’ultima ragione non sarà possibile la celebrazione eucaristica nel giorno del primo anniversario, ma un momento di preghiera condivisa da remoto sarà curata da S.E. Mons. Giuseppe Satriano in occasione del 7 aprile 2020.

Ai familiari di Giovanni l’abbraccio sincero della nostra redazione.

Ncopp’ a sta Terra di Eduardo De Filippo
Te pare luongo n’anno
e passa ambressa;
quann’è passato se ne va luntano;
ne passa n’ato
e quanno se n’è gghiuto
corre pur’isso nziem’ a chillo ‘e primma,
e nzieme a n’ati cinche
vinte
trenta
se ne vanno pe’ ll’aria
ncopp’ ‘e nnuvole.
E ‘a llà tu siente comm’ a nu frastuono
ch’è sempe ‘o stesso
‘a quanno ‘o munno è munno
ncopp’ a sta terra:
comme si fosse ‘a banda d’ ‘o paese
ca scassèa mmiez’ ‘o vico
e s’alluntana.
Trase int’ ‘e rrecchie quanno sta passanno
e nun ‘a siente cchiù quann’è passata.
Ma na cosa te resta:
sa che te rummane?
Te rummane ‘o ricordo ‘e nu mutivo
comme fosse na musica sperduta
‘e nu suonno scurdato,
ca t’è paruto vivo
chiaro cchiù d’ ‘o ccristallo
dint’ ‘o suonno
e nun ‘o puo’ cunta’ quanno te scite
manc’a te stesso,
tanto è fatto ‘e niente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »