Meta. Il sindaco Tito sulle parole del Papa: “Su questa barca ci sono e non abbandonerò mai il mio popolo”

Penisola sorrentina. Come ogni giorno il sindaco di Meta, Giuseppe Tito, ha abituato i suoi cittadini ad un messaggio riepilogativo. Oggi parte dalla nuova iniziativa dei metesi: “Stamattina è partita l’iniziativa del carrello solidale. A tutti voi dico grazie: ancora una volta mi avete commosso per il grande gesto di solidarietà.”

Aggiornamenti sui contagiati e su come gestire l’emergenza: “Vi comunico che i nostri concittadini positivi al covid-19 stanno continuando la terapia contro il virus e tutto procede bene. Non mi stancherò mai di raccomandarvi di contattare il medico curante ai primi sintomi simil influenzali. Non abbiate timore, lui vi guiderà sul da farsi.”

Poi riprende le parole del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca: “Ci stiamo giocando la partita della vita. Il nostro avversario non guarda in faccia a nessuno. Finora siamo andati bene e il risultato lo dimostra, ma è solo il primo tempo.”

“Il virus ha cercato di metterci contro i nostri affetti ma non ci riuscirà. Noi siamo più forti. Chi è più calmo vince, chi sta a casa vince.”

Il sindaco, infine, con le parole del Papa durante la Celebrazione di ieri: “Ci siamo trovati impauriti, presi alla sprovvista da una tempesta. Tutti sulla stessa barca, tutti necessari, tutti chiamati a remare insieme. Ci siamo tutti. Così anche  ci siamo accorti che non possiamo andare aventi ognuno per conto suo ma insieme.”

Io su questa barca ci sono, – conclude – e non abbandonerò mai il mio popolo. Un abbraccio forte, il vostro sindaco.”

Buongiorno a tutti voi.

Pubblicato da Giuseppe Tito su Sabato 28 marzo 2020

Commenti

Translate »