Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

L’Amica Geniale , Lenù sul piede di guerra , pronta a lasciarsi il Rione ( e Lila ) alle spalle per una nuova vita

Più informazioni su

Continua con successo l’amica geniale , il quinto e il sesto episodio di «Storia del nuovo cognome», la serie tv di Raiuno tratta dal secondo capitolo facente parte della quadrilogia di Elena Ferrante, vedono Lenù sul piede di guerra, pronta a lasciarsi il Rione (e Lila) alla spalle per rifarsi una nuova vita e ricominciare da capo
C’è chi il dolore lo esprime urlando, lanciando dalla bocca una granata gonfia di tristezza e risentimento, e c’è chi lo tiene nascosto come se fosse un segreto di cui vergognarsi. Lenù è una di queste: che Lila l’abbia ferita intrecciando una storia d’amore con Nino Sarratore, il ragazzo del quale è innamorata fin da bambina, proprio non riesce ad ammetterlo ad alta voce. In compenso, costretta com’è a fornire consigli all’una e all’altra parte, fa del suo meglio per apparire impassibile, come se la cosa non la sfiorasse.

Quello che è chiaro dal quinto e dal sesto episodio della seconda stagione dell’Amica Geniale, Storia del nuovo cognome, è che il paradigma che Lenù applicava da bambina non vale più per l’età adulta: è così quel «quello che fai tu, faccio io» pronunciato mentre lanciava la bambola di Lila nello scantinato di Don Achille si trasforma presto in «vivrò solo per me, senza guardarmi indietro». Da questo momento il legame si riduce come in frantumi. Soprattutto perché, come sottolinea Lenù, la «forza malvagia» di Lila ha qualcosa di sovrannaturale che sembra imprigionare in un incantesimo chiunque la conosca.

«Tanto più è l’affetto e la stima che la circonda tanto più sa diventare crudele» rivela la Lenù adulta, quella che racconta la storia con il distacco giusto per isolare gli episodi e analizzarli con una lente d’ingrandimento. «Li guardavo come divinità scadute, un tempo intelligenti e ora stupide» dice un’altra volta spiegando che i suoi modelli di riferimento, l’«amica geniale» che avrebbe sempre voluto essere e l’unico ragazzo che abbia davvero contato qualcosa per lei, non meritano più la sua attenzione, la sua stima venerabile. Allora Lenù si ribella. Dapprima perdendo la verginità con Donato, il padre di Nino che l’aveva toccata senza il suo permesso nella prima stagione in un gioco molto perverso che sembra dire «se non posso avere il figlio, mi accontenterò di chi lo ha messo al mondo», e poi scegliendo di sostenere l’esame di ammissione alla Normale di Pisa per rifarsi una vita lì, lontana dal Rione nel quale è sempre vissuta e, soprattutto, lontana da Lila, la ragazza condannata all’infelicità e che, ora, sembra vivere l’adolescenza che il matrimonio prematuro con Stefano le ha sempre negato. Le cose, però, non vanno sempre come uno si aspetta e, in questo caso, il percorso è agli antipodi: da una parte c’è Lenù, che si muove su un sentiero verticale che va dal basso verso l’alto, e dall’altra c’è Lila, che si trascina su una linea orizzontale che la porta dall’elegante appartamento con Stefano a una casa trasandata in un quartiere ancora più pericoloso e miserabile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »