Quantcast

Coronavirus, dagli Stati Uniti passi avanti per il vaccino: “Pronti test sugli uomini”

Notizie molto interessanti che arrivano dagli Stati Uniti. Una società farmaceutica di Cambridge, nel Massachusetts, ha fatto sapere di essere vicina al vaccino per il Coronavirus. “Moderna”, così si chiama la società, ha fatto l’annuncio nella notte: decisiva è stata la collaborazione con il Niad (National Institute of Allergy and Infectious Diseases) e il Centro di ricerca sui vaccini (Vrc). Il vaccino, o almeno quello che si spera sia effettivamente la soluzione definitiva al virus, è stato sviluppato nell’impianto di Norwood, vicino Boston.

Come riporta “Il Corriere”, Moderna ha inviato alcune fiale di vaccino sperimentale da Norwood, al National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Nih) di Bethesda, nel Maryland. L’Istituto dovrebbe iniziare la sperimentazione clinica sull’uomo entro la fine di aprile su circa 20-25 volontari sani, verificando se due dosi del vaccino sono sicure e inducono una risposta immunitaria che probabilmente potrebbe proteggere dalle infezioni. I risultati iniziali del test potrebbero essere disponibili tra luglio e agosto. Mentre un vaccino potrebbe essere in commercio non prima del 2021. L’immunologo Anthony Fauci, a capo del Nih, ha detto che è possibile che la diffusione del coronavirus diminuisca durante i mesi più caldi, ma che poi ritorni il prossimo inverno e diventi un virus stagionale come l’influenza, rendendo utile un vaccino.

Commenti

Translate »