Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Coronavirus in Campania. Il piano d’emergenza: mascherine, kit e posti letto

Più informazioni su

L’ultimo caso sospetto è quello di una donna, un militare che viene da Codogno, in licenza a Napoli. È ricoverata in una delle due stanze ad alto isolamento e pressione negativa del Cotugno. Il ricovero è avvenuto non appena la donna ha saputo che un tenente della caserma, suo collega di lavoro, è risultato positivo al virus Sars-Cov 2. Accusa febbre e altri sintomi di compromissione respiratoria. È stato effettuato un tampone faringeo e delle alte vie respiratorie, il responso è stato negativo. «La Regione sta attuando tutte le procedure di allerta sanitaria e di prudenza per fronteggiare l’emergenza coronavirus ma in Campania, finora, nessun caso sospetto è risultato positivo». Il governatore Vincenzo De Luca ieri, pomeriggio in conferenza stampa a Palazzo Santa Lucia, ha chiarito molti dei dubbi che in queste ore allarmano i cittadini. «In Campania – ha aggiunto De Luca – non c’è motivo di preoccupazione e anche i sindaci, in base alle linee guida che dirameremo, è consigliabile che evitino fughe in avanti e si attengano alle procedure di prudenza senza allarmismi. Attenzione anche a fake news che rimbalzano sui social. Se ci avvertono di casi sensibili provenienti dalla zone di focolaio in due ore effettuiamo il prelievo e forniamo il risultato. Ciò è preferibile a chiusure e quarantene di massa».

La Regione ha un piano per la situazione attuale e un piano B nel caso in cui dovesse presentarsi un focolaio epidemico. De Luca, che è in continuo e stretto contatto con le autorità sanitarie nazionali guarda anche al sistema informativo: «Il 90% delle notizie e degli allarmi è infondato e va peggio sui social. Serve responsabilità – dice – le notizie ufficiali le danno Ministeri e Regione». Il secondo aspetto riguarda la filiera dei percorsi di cura. Il primo anello è il numero verde regionale 800-90.96.99 attivo da 20 giorni che ha subìto un’impennata di chiamate, anche di notte. Non va ingolfato e usato solo per rassicurazioni e informazioni generiche. Nei casi di sospetto e chi sta male o accusa sintomi che lo preoccupano deve chiedere l’intervento del medico di famiglia, della guardia medica oppure del 118. Il consiglio è di non affollare i pronto soccorso e gli ospedali con più di un familiare. In ogni ospedale sono stati individuati percorsi dedicati e separati per pazienti e cittadini con sintomi respiratori. I successivi eventuali ricoveri saranno effettuati solo nei reparti di malattie infettive. Ogni pronto soccorso avrà locali separati per una valutazione in isolamento.

I casi di sospetto coronavirus o i casi conclamati e sintomatici, dopo la valutazione nei pronto soccorso o del 118, vanno trasferiti al Cotugno o nelle strutture dotate di reparti di malattie infettive. Saranno moltiplicati i punti di verifica dotando di kit diagnostici alcuni laboratori provinciali. A Napoli oltre al Cotugno il San Paolo (dalla prossima settimana) e a partire da oggi tutti gli ospedali di riferimento provinciale a Caserta (San Sebastiano), Avellino (Moscati) e Salerno (Ruggi). I posti letto individuati sono circa 40 nella Asl di Salerno, 6 al Ruggi, 70 al Pascale, nessuno al Cardarelli, 70 al Cotugno (che può facilmente raddoppiarli), altri 10 tra le varie aziende sanitarie a Caserta, a Pozzuoli e Eboli. In totale 200 con la possibilità da parte del Cotugno di ampliare la disponibilità. Ma c’è il piano B che coinvolge la Protezione civile e al sanità militare che potrebbero in breve allestire spazi e ospedali da campo per quarantene e controlli. I dipartimenti di prevenzione delle Asl sono deputati a sorvegliare i percorsi e i contatti di eventuali contagi.

Quanto ai Comuni, scuole, servizi valgono le linee guida nazionali che in zone non epidemiche (come in Campania) non prevedono chiusure. Il fai-da-te dei sindaci è vivamente sconsigliato. Il presidente della giunta chiede ai sindaci di «non procedere con atti unilaterali, ma di comunicare immediatamente situazioni o casi sospetti. La chiusure di scuole, a Buccino nel Salernitano, a San Giuseppe Vesuviano (Napoli) e altre non seguono le linee guida che però non sono atti autoritativi». Le manifestazioni sportive come la partita del Napoli con il Barcellona si farà sebbene intensificando i controlli. Punti informativi saranno allestiti nei porti a Pozzuoli, Napoli, Salerno per informare e verificare viaggi o rientri di turisti a rischio. Per il trasporto pubblico mascherine e altri accorgimenti sono per ora immotivati e restano le raccomandazioni di igiene delle mani e altre regole generiche. Diverso il discorso per il personale medico di prima linea della rete dell’emergenza: qui le precauzioni sono al massimo livello. «L’ospedale Cotugno può effettuare 100 tamponi faringei al giorno per la positività al Coronavirus e di mascherine ne abbiamo 500mila. Possiamo girare mascherati per un anno in tutta la Regione Campania».

Fonte Il Mattino

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »