Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Ravello, Villa Rufolo. Grazie al Comune non chiude la Torre: funziona la presa di posizione dell’Amministrazione Comunale

Più informazioni su

Ravello, Villa Rufolo. Grazie al Comune non chiude la Torre: la presa di posizione dell’Amministrazione Comunale di Ravello, sta funzionando. Dopo la nomina della Regione Campania dei 4 rappresentanti è intervenuto in queste ore fortunatamente un altro dietrofront clamoroso. La settimana scorsa il Segretario Generale Ermanno Guerra aveva avuto un incontro con la società Metaia che per un anno circa ha gestito alcuni servizi all’interno di Villa Rufolo fra i quali anche il presidio della Torre Museo; in vista della scadenza del contratto al 31 gennaio prossimo, il S G aveva comunicato la volontà di NON PROROGARE il contratto. Sempre il S G Guerra aveva dato notizia anche ai tre tecnici (Martino Esposito, Veronica Amato e Lucia Lieto) della volontà di chiudere la torre, e ai tre malcapitati questo rappresentava un licenziamento in tronco senza preavviso.
A tutti il S G ha detto di essere un mero esecutore di ordini; saremmo lieti di leggere questi ordini, trattandosi di una Fondazione che gestisce beni e soldi pubblici e che, quindi, dovrebbe operare solo e soltanto attraverso atti e disposizioni scritte.
Intanto in questi minuti la società Metaia è stata raggiunta telefonicamente per chiedere la loro disponibilità a proseguire per altri tre mesi; avuto un assenso informale è stata data comunicazione ai tre lavoratori.
Non entriamo nel merito giuridico, di legittimità e di legalità, di questa ennesima vicenda; ma riteniamo doveroso stigmatizzare e censurare l’approssimazione e il poco rispetto per le persone che la Fondazione RAVELLO sta dando da un tempo a questa parte.
Siamo a fianco come giornale del territorio all’Amministrazione Comunale di Ravello, ai dipendenti della Fondazione e anche ai cittadini di Ravello (ovviamente non a quelli che stanno plaudendo all’operato di Felicori, Guerra e De Luca) perché riteniamo che stanno subendo azioni che nuocciono alla collettività, il nostro sostegno e supporto è per le questioni “umane” prima ancora che per quelle di legittimità.
La storia crediamo che pubblicherà pagine molto buie di questo anno passato, confidiamo che l’arrivo in Fondazione contribuirà a fornire l’inchiostro necessario per scrivere quelle pagine, molte delle quali noi di Positanonews abbiamo anticipato senza timore di inimicarci i potenti di turno. Il territorio della Costa D’AMALFI, i suoi abitanti e il suo futuro sono gli unici PADRONI che Positanonews riconosce.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.