Massimo non è morto per i morsi dei due rottweiler: ha avuto un malore

Più informazioni su

    POZZONOVO (PADOVA) – Colpo di scena nella morte di Massimo Sartori, il 49 di Pozzonovo nel padovano: ad uccidere l’uomo non sarebbero stati i morsi dei due rottweiler, bensì un malore. Il sospetto che la causa del decesso non fosse da attribuire ai due cani della compagna di Sartori erano stati sollevati già da  Aldo Costa, direttore del settore Veterinario dell’Ulss 6: «I suoi cani potrebbero anche aver tentato di “chiamarlo”».

    IL RITRATTO Cani e cavalli la sua passione, chi era “Mamo” Massimo Sartori

    Autopsia annullata, l’indagine dei medici sul corpo ha chiarito le cause del decesso
    Il dato sulla morte di Sartori è emerso oggi dopo l’ispezione sul corpo, come si è appreso da fonti della Procura di Rovigo titolare dell’indagine per competenza territoriale. I segni dei morsi dei due cani, una femmina di nove anni e un maschio di due, non sono mortali. L’uomo – come avevano ipotizzato ieri i carabinieri – si sarebbe sentito male (era cardiopatico) e sarebbe caduto e poi morto a causa delle patologie pregresse mentre i due molossi lo avrebbero morso solo successivamente e non in modo fatale. La Procura ha già disposto la consegna della salma ai familiari per il funerale, annullando l’annunciata autopsia.


    IL GAZZETTINO

    Più informazioni su

      Commenti

      Translate »