Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Salvini a Sorrento e Positano il 21 novembre: adesione del Sindaco Cuomo e De Lucia alla Lega

Come riportano i colleghi di Agorà, giovedì 21 novembre l’ex Ministro raggiungerà la Costa di Sorrento e Positano in vista dell’adesione dei rispettivi Sindaci. Il Sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo ha preso parte alla Lega, ed ora è ufficiale dopo le prime voci che circolavano in merito. Un avvenimento politico di notevole importanza, quello di Sorrento, che vede l’arrivo del leader della Lega il prossimo giovedì per una conferenza stampa – evento per l’adesione del Sindaco Cuomo alla Lega, ma anche per annunciare una candidatura del primo cittadino di Sorrento alle prossime elezioni regionali. La candidatura del Sindaco non è un dato di fatto, ma sappiamo che la sua affiliazione alla lega può essere un punto di partenza. Al partito servono figure forti di consensi su tutto il territorio per tentare di erodere voti all’avversario del centro destra Vincenzo De Luca.

La Lega, tuttavia, non ferma il suo cammino in Penisola Sorrentina, ma giunge anche sulle coste di Positano. Il Sindaco della città verticale Michele De Lucia, ha aderito al suddetto partito. L’ex Ministro Salvini, infatti, dopo la conferenza stampa a Sorrento, giungerà a Positano con il Sindaco Cuomo, per battezzare un nuovo inizio anche con De Lucia, e chissà se anche per lui si parlerà di regionali, visto che come il Sindaco di Sorrento, anche lui è al secondo mandato e dunque adibito a partecipare alle elezioni regionali.

Gran colpo quello della Lega, che si assicura due tra le città più simboliche del turismo campano e italiano. E’ un gran colpo soprattutto di Cuomo nei confronti di Salvini, che mira a diventare il suo punto di riferimento, soprattutto in vista delle prossime elezioni parlamentari. Tutto ciò si è realizzato con la collaborazione del commissario regionale del partito di Salvini in Campania, Nicola Molteni, nonchè ex Sottosegretario di Stato per l’Interno, che ha intensificato i contatti con i sindaci Cuomo e De Lucia.

 

Di seguito riportiamo il comunicato della Lega Salvini di Sorrento, i quali ovviamente si ritengono più che soddisfatti:

Matteo Salvini non è mai stato a Sorrento, ma mi ha detto che gli piacerebbe tantissimo conoscerla.
Quando accadrà, per tutti coloro che lo sostengono, sarà un grande onore accoglierlo ed ospitarlo nella nostra meravigliosa città.
Intanto, forte e più determinata che mai, con l’inossidabile impegno, con i talenti e le competenze in ogni campo dei suoi componenti, la squadra di LEGA – Sorrento va avanti, tenendo conto dei preziosi consigli ed incoraggiamenti di Salvini, e memore delle parole che lui ha pronunciato alla Conferenza stampa di martedì 5 novembre a Napoli, davanti ad una folta platea di giornalisti, dirigenti ed attivisti Lega, organizzata per illustrare i principi base della sua idea di futuro per la Campania, nonché per presentare il coordinatore regionale, l’avv. on. Nicola Molteni, che insieme all’on. Gianluca Cantalamessa, presidente di Lega Campania, si appresta a portare a compimento il proficuo lavoro da anni intrapreso sul territorio, grazie al quale già oggi esiste un background leghista di più di 200 amministratori locali, fra sindaci, assessori e consiglieri, silenziosi e tenaci eroi di trincea e di frontiera che ogni giorno combattono per i propri cittadini.
“Per me è una bellissima giornata di partenza, di scommessa, di futuro, di crescita, di lavoro” ha detto entusiasta Salvini alla Conferenza.
Alla vigilia delle Elezioni regionali e nei prossimi anni, “Napoli e la Campania potranno avere un’alternativa al solito, vecchio ritornello di De Luca, De Magistris, Di Maio & Co.” ovvero coloro che ha definito “i 3 moschettieri sfigati, tra i litigi dei quali adesso è chiusa la Regione Campania.”
L’ambizione della Lega per la Campania, sulla scorta dell’esempio delle Regioni virtuose del Nord, si pone come obiettivi lo sviluppo economico ed occupazionale, la crescita, la creazione di nuove infrastrutture ed il miglioramento di quelle già esistenti.
Come ha sempre sostenuto l’on. Gianluca Cantalamessa, anche Salvini ha ribadito che non è possibile non avere il TAV che collega Napoli con Bari, come non è ammissibile che in epoca di avanzato progresso tecnologico, ci siano ancora disastrose tratte ferroviarie a binario unico, alcune addirittura ancora non elettrificate e con materiale rotabile e convogli ultradatati, in pessimo stato e scarsa funzionalità, che costringono i passeggeri a viaggiare in penose ed indegne condizioni.
Oltre a ciò, la Campania ha bisogno anche di aeroporti e porti all’altezza, che, insieme ad un efficiente sistema stradale, siano in grado di supportare ed agevolare l’intensa e fortunata attività turistica della Regione.
Secondo Salvini, è doveroso e sacrosanto offrire ai cittadini campani un’opportunità di cambiamento, perché i Campani per il loro talento, le loro geniali capacità, il loro ingegno, le loro marcate attitudini imprenditoriali, la loro buona volontà, meritano di più: meritano il meglio, e non certo un futuro da emigranti per la propria realizzazione professionale o per la spasmodica e disperata ricerca di più appropriate soluzioni alle proprie patologie.
La Sanità sarà un altro target importante che per la Lega dovrà avere priorità, con la riduzione dei tempi di attesa delle liste per interventi chirurgici o esami diagnostici.
Il signor Vincenzo De Luca, governatore della Campania, punto sul vivo dalle legittime critiche di Salvini sulla Sanità campana, ha obiettato vantandosi che la Campania nel sistema sanitario paga a 38 giorni. Ma cosa importa questo dato ai malati campani che possono usufruire a singhiozzo di analisi cliniche, visite ed esami diagnostici in convenzione? Cosa importa se per avere una colonscopia devono aspettare 2, 3 mesi o più? Cosa importa alle persone con casi disperati, se per trovare una cura adeguata o essere operate in strutture ospedaliere altamente efficienti e funzionali, devono recarsi in Lombardia o in Veneto?
De Luca si è vantato anche di avere una Regione pulita.
Peccato però che sia una Regione dove le tasse per i rifiuti sono tra le più alte d’Italia, perché avendo un solo impianto di termovalorizzazione, la Campania è costretta ogni anno a spedire in altre regioni o all’estero circa 300.000 tonnellate di rifiuti, per una spesa di 200 euro circa a tonnellata, alla quale si vanno ad aggiungere multe salate inflitte dall’UE per la mancanza di un piano smaltimento rifiuti.
E tutto questo mentre nell’interland napoletano ci si continua ad ammalare di cancro per i fumi e le letali esalazioni dei roghi tossici che qualche mano maledetta provoca incendiando le ecoballe stoccate in pantagrueliche quantità, ed in attesa, chissà, forse di un intervento extraterrestre di smaterializzazione o del risucchio di un buco nero dell’universo.
I cittadini campani di buon senso dicono no a questo malgoverno: no ad un’amministrazione regionale che ignora i progetti di costruzione di impianti di valorizzazione dei rifiuti, e no alla camorra che gestisce il trasporto e il seppellimento dei rifiuti, in spregio totale della salute dei cittadini.
Basta con i soliti, noti, vecchi ed inutili proclami.
Basta col canto letale delle SIRENE.
Fortunatamente è in atto un cambiamento.
Tantissime donne ed uomini di buona volontà, provenienti anche dalla società civile, in Campania si stanno avvicinando alla Lega.
Le porte di questo Partito sono aperte per queste persone, ha ribadito Salvini, purché esse abbiano come primo requisito la volontà di combattere la camorra senza “se” e senza “ma”, e si dichiarino pronte a contrastare con ogni mezzo il sistema clientelare, la corruzione ed il nepotismo occupazionale, millenarie piaghe campane che indegnamente penalizzano e mortificano il talento umano e la meritocrazia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.