Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Napoli. Nuovo Teatro Sancarluccio. Successo di Alessia Moio.

Più informazioni su

Articolo e foto di Maurizio Vitiello – Successo di Alessia Moio al Nuovo Teatro Sancarluccio.

Sabato 19 e domenica 20 ottobre 2019, la voce di Alessia Moio è stata la protagonista con lo spettacolo “’A Voce ‘e Napule”, al Nuovo Teatro Sancarluccio, da dove sono passati grandi artisti di teatro e della canzone.
Dal lavoro musicale al Borgo Marinari alla partecipazione a varie rassegne è andata sempre avanti, migliorandosi.
Con questo spettacolo è approdata nello storico spazio di via San Pasquale a Chiaia e punta a conquistare platee raffinate con altri eventi.
Dopo il Conservatorio di Napoli e il conseguimento del diploma in mandolino e la scuola di canto e recitazione, si è esibita in tanti concerti portati in giro in tutt’Italia.
La sua produzione discografica è interessante e sono apprezzabili alcune incisioni.
Alessia Moio con il suo spettacolo “’A voce ‘e Napule” ha cantato e recitato e ha intenzione di proseguire e di prodursi al meglio per attirare maggiori attenzioni.
Con la regia di uno storico, ricercatore e napoletanista come Ciro Ridolfini e gli arrangiamenti di Salvatore Baldares, il nuovissimo concerto di Alessia Moio ha offerto spunti di riflessione, perché ha puntato alla tradizione partenopea coagulando, tra ricerca e approfondimenti, il “sentiment” di personaggi come Antonio Petito e il suo Pulcinella, Nicola Maldacea, Armando Gill, Raffaele Viviani, Totò, Ettore Petrolini e Nino Taranto.
Con “’A voce ‘e Napule”, grazie anche all’impegno del management di Lello Greco, è stato possibile comprendere e provare emozioni nel riverbero di magiche arie legate al mitico “Varietà” e al “Cafè Chantant”.
L’artista ha la città nel cuore e le ha illustrate sulle tavole di un palcoscenico che ha fatto storia, da Massimo Troisi ad Annibale Ruccello.
Insomma, Alessia Moio ha confermato la sua bravura artistica nello spettacolo “‘A voce ‘e Napule”,
C’è stata un’accorata rivisitazione dei maestri dell’arte del Varieté e dei più grandi poeti della canzone napoletana e non, con riferimenti inediti, passaggi storici e documentazioni foto-filmiche.
Sono state calde prestazioni, sottolineate da applausi.
Scenografia essenziale e rapidi cambi di costume, tra una sciantosa e una eccellente versione in napoletano di “Non, Je Ne Regrette Rien”, che si ricorda cantata dalla mitica Edith Piaf.
Passaggio di chicche della canzone napoletana di Antonio Petito, Maldacea, Gill, Viviani, Totò, Petrolini, Taranto e etc. …
Alessia Moio riesce con “Mandulinata” di Bovio-De Curtis, che fu sapientemente cantata da Vittorio Parisi, recuperata dell’intero corpus poetico, cioè delle sue tre strofe scritte da Libero Bovio, a offrirci accenti originalissimi, sicuramente dovuti al suo fresco quanto antico timbro di voce di respiro ellenico.

Maurizio Vitiello

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.