Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - CulturaNews di Maurizio Vitiello

Libri. STANVÉ – C’era una volta la vita, di Minna Cammarano.

Più informazioni su

Articolo di Pino Cotarelli – STANVÉ – C’era una volta la vita, di Minna Cammarano.

L’autrice Minna Cammarano, nata a Napoli nel 1931, pittrice originale, lascia dopo la sua morte in bella vista il dattiloscritto di questo libro dal titolo “STANVÉ – C’era una volta la vita”, edito da Imiolibro self publishing (pp. 388, euro 17,00), in cui racconta la sua appassionante e originale storia che riemerge, dopo essere stata stimolata nei ricordi, dal particolare odore di una “margarina” (un burro utilizzato tuttora in cucina per friggere).
È così che, improvvisamente, ricompaiono, ambienti, atmosfere e rari momenti di allegria della non semplice adolescenza dell’autrice.
Una descrizione realistica che riesce a trascinare il lettore nelle vicende per l’incedere deciso e a tratti anche cinico, della scrittura agevole e scorrevole, che non trascura i momenti poetici, come la scoperta dei primi e innocenti sentimenti amorosi fra Minna e il suo amico del cuore. Alcune autocritiche che l’autrice fa per il suo carattere, appaiono come tentativi di esorcizzare la sua vita, prevalentemente, malinconica e silenziosa.
Stanvè, il titolo del romanzo, deriva dal confidenziale nome dato da Elena, madre di Minna, al pianoforte di marca Steinway, che usa suonare con trasporto e passione, ammirata da chi l’ascolta e, in particolare, dal marito.
Un racconto che si svolge, durante la seconda guerra mondiale, in un villaggio del Molise, in cui si avvicendano truppe di occupazione tedesche e militari alleati americani in cui traspare anche l’umanità del padre di Minna, che non si sottrae, come medico, al soccorso del nemico tedesco ferito gravemente, accogliendolo e nascondendolo anche in casa.
Particolarmente intenso il rapporto di Minna con il nonno con cui condivide segrete follie come le passeggiate sul lungomare a dispetto di piogge e alte onde del mare che investono col vento. Poi, descrizioni malinconiche della dipartita del nonno, del padre e le sofferenze per varie separazioni, che l’autrice ha vissuto nella sua complicata vita.
Un romanzo verità che appare prima senza pretese, ma che finisce, poi, per coinvolgere e conquistare, rimanendo nella memoria del lettore come lettura di rilievo.

Pino Cotarelli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Translate »