Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

 Edin Dzeko «italia, IL RAZZISMO  un problema serio»

Più informazioni su

Edin Dzeko ha un carattere spigoloso. Se lo prendi dal verso sbagliato, rischi di farti male come con una rosa che si è dotata di spine per proteggersi dal mondo. Il piccolo Edin aveva 6 anni quando la guerra ha bussato alla porta di casa; è abituato a sopravvivere e a lottare per ciò che ritiene giusto. E ha imparato a dire sempre ciò che pensa. I suoi compagni, pensate, lo adorano proprio per questo suo carattere da duro, intrattabile solo all’apparenza. In un ambiente (quello del calcio) nel quale tutti fanno 0-0 con le parole, Dzeko attacca e si espone: «In Italia il razzismo è un problema serio, più grande rispetto ad altri Paesi» ha dichiarato ai microfoni di Sky Sports UK.

NO AL RAZZISMO. Sull’argomento è andato diretto come un treno, come quando ha scelto di restare a Roma dopo un’estate di promesse da parte dell’Inter. Questa la sua posizione netta: «Penso ai buu contro Lukaku a Cagliari e mi sembra assurdo che ancora oggi possano accadere queste cose. Spero che la Federazione faccia qualcosa e fermi questo fenomeno in ogni modo possibile. La Federazione deve proteggere i calciatori». Esattamente come il collega Koulibaly nella recente intervista rilasciata al Corriere dello Sport-Stadio, il centravanti ha fatto riferimento al modello inglese. Negli stadi della Premier, dove Dzeko ha giocato con la maglia del Manchester City, il razzismo è condannato da un punto di vista culturale e penale. «Lì la situazione è decisamente migliorata, c’è sempre meno razzismo. Penso che in Italia il problema sia evidente, servono delle pene certe. Se senti qualcuno fare i “buu” devi bandirlo dallo stadio, non lo devi più far venire a vedere una partita. Non abbiamo bisogno di queste persone».

EDIN E MICKI. Calcisticamente parlando, invece, Dzeko avrà sempre più bisogno di Mkhitaryan che è il primo armeno di sempre in Serie A e, a proposito di integrazione, rappresenta la 50ª nazionalità tra i 211 calciatori stranieri della storia romanista. Dopo il confronto in nazionale (Armenia-Bosnia 4-2 con 2 gol più assist di Mkhitaryan e 1 gol di Dzeko) i due si sono ritrovati a Trigoria e in pochi giorni hanno fatto scoccare la scintilla. “Micki” svaria su tutto il fronte d’attacco e rifinisce, “Edin” fa il regista offensivo e finalizza. «È un grande giocatore – parola del vice capitano – sono sicuro al 100% che sarà d’aiuto per noi. Lo ricordo anche al Borussia Dortmund, sono felice di questo acquisto. Vedrà che qui giochiamo a calcio. Spero possa fare altri gol e assist e possa rimanere a lungo». Con l’armeno al proprio fianco, Dzeko spera di aumentare il bottino personale di reti: ne ha segnate 89 da quando è nella Capitale e vuole superare in fretta quota 100. Grazie al 4-2 contro il Sassuolo, 100 sono anche le vittorie che la Roma ha conquistato nelle ultime 5 stagioni con il Cigno di Sarajevo in campo. Il bosniaco è al 7° posto nella classifica dei marcatori giallorossi, preceduto da Totti (307), Pruzzo (138), Amadei (111), Volk (106), Manfredini (104) e Montella (102). Tra 16 esultanze sarà lo straniero più prolifico di sempre tra quelli che hanno portato la lupa sul petto. Uno così non ha paura e si prende gioco del razzismo a suon di gol.

fonte:corrieredllosport

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.