Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

A Ravello la presentazione del libro di Antonio Scurati “M” e conferimento della cittadinanza onoraria

Questo pomeriggio, nell’ incantevole cornice dei giardini del monsignore, Antonio Scurati, scrittore vincitore del Premio Strega 2019 e docente universitario, ha presentato al pubblico della città della musica la sua ultima fatica letteraria: “M”, romanzo sulla figura di Mussolini. L’opera letteraria, come precisato, dall’autore, l’ha impegnato per  ben otto anni, per la pubblicazione, per la prima volta in letteratura, di un romanzo su una figura tanto controversa e dibattuta, non solo dagli storici.

Scurati a Ravello

Scurati ha manifestato la sua forte emozione per il conferimento della cittadinanza onoraria che ritiene un riconoscimento all’ uomo e al bambino che amava trascorrere giornate spensierate a Ravello. La Costiera è un luogo di bellezza paesaggistica unica ,grazie anche all’intervento dell’uomo che ha realizzato  i classici terrazzamenti, che devono essere però tutelati e conservati per le future generazioni e non lasciati nell’incuria, ha rimarcato lo scrittore.  Paolo Imperato, ex sindaco di Ravello e Presidente di Ravello Nostra, ha sottolineato  che la cittadinanza onoraria ribadisce il forte legame di Scurati alla città di Ravello.

Presentando  il romanzo, l’autore precisa che l’opera ha inizio dalla fondazione dei fasci di combattimento per giungere all’esecuzione di Giacomo Matteotti. Pur nella forma di un romanzo, nulla è inventato ma tutto documentato nelle pagine dello stesso.  Scurati ha precisato che un  libro come “M” è stato possibile pubblicarlo solo ai nostri giorni perché è caduta la pregiudiziale ideologica  sul personaggio. Gli attuali politici addirittura lucrano sulla sua figura e gli ammiccano. Salvini è solo un esempio. Scurati, però  a domanda diretta, dichiara  di non avere dubbi sulla mancanza di analogia tra Mussolini  ed i politici attuali. Impensabile un nuovo “M”.  La stella, l’obiettivo finale del Duce era  la conquista del potere e a tal fine da socialista svoltò a destra, da fiero anticlericale si sposò con cerimonia religiosa ma soprattutto tramutò la paura in odio, soffiando sui timori di un popolo.   Giacomo Matteotti fu l’unica voce di denuncia di un clima  di violenza e per questo  fu rapito in pieno giorno mentre si recava in Parlamento e giustiziato . Il mondo della cultura come lo stesso Benedetto Croce non capirono cosa stesse accadendo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.