Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Oggi l’ultimo saluto a Nadia Toffa. Don Patriciello: “Amata e odiata, combatteva per i più deboli”

Più informazioni su

Oggi a Brescia l’ultimo saluto alla “Iena” Nadia Toffa, morta a soli 40 anni a seguito di un brutto cancro.

addio nadia

“Ciao guerriera” e poi un lungo applauso. Così la folla ha salutato la bara bianca con il feretro di Nadia Toffa, all’uscita dalla chiesa.

In questi giorni tantissime persone hanno voluto portare un saluto a Nadia Toffa, la conduttrice televisiva morta martedì scorso all’età di 40 anni dopo aver combattuto per due anni e mezzo contro un tumore. La camera ardente nel teatro Santa Chiara è rimasta aperta costantemente, per permettere a tutti di entrare: ed è qui a Brescia, la città in cui Nadia Toffa è nata e viveva, che oggi si tengono i funerali nella Cattedrale. Alle 10.30 le campane hanno suonato a lutto, mentre tantissima gente – arrivata anche dalla Puglia, da Taranto – entrava in chiesa e altrettanta restava fuori perché non c’era più spazio. In chiesa tutti i colleghi de Le Iene. Il feretro è stato accolto dal parroco di Caivano (Napoli), Maurizio Patriciello, simbolo della lotta nella Terra dei Fuochi con gli amici che hanno indossato una maglietta con la scritta “Jesche pacce pe te!”, in tarantino “Io esco pazzo per te” in un progetto benefico. “Nadia era dalla parte dei deboli – ha ricordato dal pulpito don Maurizio -. Come Gesù è stata amata e odiata. Pagheremo la voglia di giustizia e verità come ha fatto Nadia, amata per la sua sete di verità. Hai saputo fare del tuo lavoro una missione”.

A officiare la messa ci sarà quindi anche padre Maurizio Patriciello, come aveva chiesto la stessa conduttrice, che si era occupata spesso del tema nei suoi servizi per la trasmissione Le Iene. Il prete ha aggiunto: “Abbiamo un debito di riconoscenza verso questa ragazza – ha detto don Maurizio -. Nadia, sei stata capace di mettere l’Italia sottosopra unendo il Nord e il Sud, la Terra dei fuochi con Brescia. In questi giorni mi sono arrivati centinaia di messaggi. Sei entrata nel cuore di tutti e non perchè eri un volto della tv. Nadia è stata amata, non solo stimata”. “Hai chiamato il cancro con il suo nome dando coraggio a tutti noi – ha proseguito -. Hai raccontato le tue fragilità dandoci coraggio. Nadia ha avuto fame e sete di giustizia, è arrivata là dove la gente era bistrattata e maltrattata. Come nella mia terra, la Terra dei Fuochi, dove il terreno è inquinato anche dai rifiuti del Nord, con la complicità della nostra camorra. Hai gridato ai cristiani sopiti che Dio non è cattivo”.

Fonte Repubblica 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.