Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - Turismo

Positano sul Corriere della Sera: “ti parlano in inglese e se sei italiano dicono «sorry»”

Quando si parla di turismo, non si può non prendere Positano come metro di giudizio. L’editorialista del Corriere della Sera Aldo Cazzullo, nella rubrica “Lo dico al Corriere” risponde ai lettori a delle domande sul turismo in Italia. Il paese verticale, viene definito da Cazzullo un paese straniero in Italia, che entra nella sfera di quelle località proibite alle tasche degli italiani. “A Positano nei negozi e negli hotel ti parlano in inglese; e quando fai notare che sei italiano ti rispondono «sorry».”

Caro Aldo,
ogni estate si moltiplicano denunce di truffe o piccoli episodi di mancanza di rispetto verso i turisti. Siamo davvero un Paese così truffaldino? Perché allora arrivano tanti stranieri?
Alberto Ruffo, Napoli

Molte nostre città d’arte e turistiche sono trasformate in suk permanenti. Cosa che non succede all’estero.
Sergio Guadagnolo

Vorremmo restare in Italia per le nostre vacanze in montagna, ma preferiamo l’Austria, più economica e superorganizzata. Perché non si riesce a imitarla?
Alberta Mesi

Cari lettori,
In giro per l’Italia a ognuno di noi accade un po’ di tutto. Nel celebrato Salento si trovano posti meravigliosi e talora qualche pietra d’inciampo: tipo il bar di Gallipoli in cui mi hanno chiesto 4 euro al banco per un bicchiere di vino bianco imbevibile servito da una tanica di plastica, una scena da film di Fantozzi. Altre zone d’Italia non sono più Italia. A Positano nei negozi e negli hotel ti parlano in inglese; e quando fai notare che sei italiano ti rispondono «sorry». I prezzi ovviamente sono conseguenti. Sono enclave per stranieri (meglio se americani), isole della Tortuga spesso splendide, che noi italiani non possiamo più permetterci.
Certo, sono zone particolari, con un’antica vocazione al turismo. Ce ne sono altre, forse altrettanto belle, abbastanza sconosciute. Sono stato due volte a Mazara del Vallo a vedere il satiro danzante, scultura di commovente bellezza, e ogni volta ero l’unico visitatore. Eppure la Sicilia è piena di turisti. Si tratterebbe di organizzare arrivi e soggiorni tutto l’anno, come riescono a fare le Baleari e le Canarie. Soprattutto, occorre pensare non solo all’oggi, ma al futuro, quando magari i flussi turistici torneranno in Medio Oriente e in Nord Africa, annullando il nostro vantaggio competitivo. Ecco che dobbiamo costruire infrastrutture, formare il personale, lasciare al visitatore un buon ricordo che vada oltre la recensione su TripAdvisor.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.