Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Morto Francesco Saverio Borrelli, capo del pool di Mani Pulite. Legame con Positano e il cognato Roman Vlad

E’ morto a Milano Francesco Saverio Borrelli, magistrato capo del pool di Mani Pulite, ricoverato all’hospice dell’Istituto dei Tumori di Milano, secondo quando riportato da Repubblica. Borrelli, nato a Napoli il 12 aprile del 1930, era entrato in magistratura nel 1955 e quasi tutta la sua carriera si è svolta nelle aule del tribunale di Milano.

Celebre è stato il suo discorso da procuratore generale della Corte d’Appello, nel 2002, che si concludeva con un appello all’indipendenza della magistratura, ovvero il “Resistere, resistere, resistere, come sulla linea del Piave”. La camera ardente sarà ospitata a Palazzo di Giusitiza e si aprirà al pubblico la giornata di lunedì. Fino all’ultimo momento gli sono stati vicini la moglie Maria Laura e i figli Andrea e Federica.

Quest’ultima gli aveva dedicato un post su Facebook lo scorso 8 luglio, un messaggio profondo che faceva già presagire cosa sarebbe accaduto. “Mi manca il suono del tuo pianoforte che giace orfano del tuo talento, come orfani siamo noi. Papà vorrei averti potuto e saputo dare tutto quello che mi hai dato, per sempre”, così si concludeva il messaggio amorevole della figlia Federica.

Nella famiglia Borrelli si respiravano musica, filosofia, storia e arte, il magistrato infatti era molto legato alla sorella Licia Vlad Borrelli, archeologa, ed il cognato Roman Vlad, noto musicista compositore che aveva preso una residenza nella parte alta di Positano: un fil rouge che da Napoli legava i Borrelli con la Costa d’Amalfi, fino alla magnifica Ravello, dove Vlad è stato direttore del Festival wagneriano ed insignito della cittadinanza onoraria.

“Francesco Saverio Borrelli era un capo che sapeva proteggere i suoi uomini, una persona che ha fatto la storia d’Italia”, ha detto Francesco Greco, capo della procura di Milano e allievo dell’ex magistrato che guidò il pool di Mani Pulite. Borrelli è stato inoltre capo dell’ufficio indagini della Figc, nel 2006, nominato dal commissario straordinario Guido Rossi dopo lo scandalo di Calciopoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.