Il reparto di Ortopedia dell’ospedale di Sorrento unificato a quello di Castellammare di Stabia. Disagi per cittadini e turisti

Sorrento. Non si respira di certo un bel clima all’ospedale della città del Tasso. In alcune unità, infatti, i posti letti sono stati dimezzati per consentire dei lavori ed a ciò si aggiunge l’unificazione di alcuni reparti con strutture ospedaliere di altre città con la conseguente diminuzione del personale medico. Il caso più eclatante riguarda il reparto di Ortopedia, da sempre uno dei migliori del nosocomio sorrentino con la presenza di tre sale operatorie. Poco più di un mese fa il primario Dott. Lello D’Ambra è stato nominato dirigente del reparto dell’unità di Ortopedia dell’ospedale “San Leonardo” di Castellammare di Stabia che, quindi, viene unificata a quella di Sorrento. In tal modo la struttura di Sorrento passa da “complessa” a “semplice” con la conseguente perdita di tantissimi benefici per quanto concerne l’assistenza per i cittadini. Lo stesso tipo di operazione fu fatta tempo fa anche per il reparto di Cardiologia dell’Ospedale di Sorrento col la nomina di un nuovo dirigente “comprensoriale” all’ospedale stabiese e il nosocomio sorrentino anche in tale circostanza perse molti servizi fondamentali ed ancora oggi il reparto sorrentino di Cardiologia non ha un primario e gran parte degli esami ambulatoriali devono essere eseguiti presso il distretto di Sant’Agnello dovendo attendere tantissimo tempo poiché le liste di attesa sono molto lunghe. Si spera che il problema del declassamento dell’ospedale di Sorrento venga preso in seria considerazione anche perché il nosocomio, oltre ad essere punto di riferimento per i residenti sia della penisola sorrentina che della costiera amalfitana, è di nevralgica importanza per la grande presenza di turisti ai quali è indispensabile garantire le cure e gli interventi necessari in caso di incidenti. Ci auguriamo, quindi, che si possa al più presto addivenire ad una soluzione positiva per la tutela della salute dei cittadini e non solo.

Commenti

Translate »