Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Le Rubriche di Positano News - Condoglianze

Sorrento piange Franco Maresca “O’ Nonno”: ha insegnato calcio a intere generazioni

La Sorrento calcistica (e non solo) piange la dipartita di Franco Maresca, chiamato da tutti O’ Nonno per aver insegnato calcio ad intere generazioni. O’ Nonno se ne andato nell’affetto dei suoi cari, la moglie Teresa, i figli Rosalba, Fernanda Giuseppe, i generi Rosario Libero e la nuora Aleksandra hanno dato la triste notizia. Le esequie saranno celebrate domani 13 aprile, alle ore 9.00 muovendo dall’Ospedale di Sorrento alla Cattedrale della Città del Tasso.

Franco Maresca era un patrimonio storico del calcio locale, rimanendo sempre legato ai colori rossoneri anche nella veste di allenatore della scuola calcio e delle giovanili. Ecco il pensiero pubblicato dalla fanpage Facebook del Sorrento 1945:

CIAO “NONNO”…
OGGI PIANGIAMO UN PEZZO DELLA NOSTRA STORIA 🔴⚫🙏
Era nato “nonno”. Due passioni hanno caratterizzato il suo itinerario di vita, fors’anche prima della Famiglia: il calcio e il mare. Una vita laboriosa, intensa. L’infanzia sulla sabbia di Marina di Cassano, l’adolescenza tra il campo Italia e l’istituto nautico Bixio. Una sequenza di pane e pallone. Un personaggio unico e irripetibile, ci ha lasciati sgomenti. Addio a Franco Maresca “‘o nonno”. Calciatore di un Sorrento romantico animato dall’ingegnere Antonino Cesaro e i fratelli Maresca con il mitico Granbar, direttore di macchina a bordo dell’Angelina Lauro e dell’ Achille Lauro, allenatore della scuola calcio e delle giovanili del Sorrento. Una sequenza di ricordi, storie e storielle di fantacalcio sorrentino. Ne racconto una… Ad un suo allievo poco motivato disse… “non di fioretto, ma di sciabola…”!
Si, così è stato Franco Maresca. Un maestro di calcio, un maestro di vita. Ciao, “Nonno”…
⚫ Tutte le squadre rossonere impegnate nel prossimo weekend scenderanno in campo con il lutto al braccio. Prima del calcio d’inizio di Sorrento-Picerno sarà osservato un minuto di raccoglimento.

“In Paradiso ti accompagnino gli angeli, al tuo arrivo ti accolgano i martiri, e ti conducano nella santa Gerusalemme.Tu possa godere il riposo eterno in cielo”. Rosario Di Nota ricoda il suo adorato suocero, Francesco Maresca dedicandogli un suo affettuoso pensiero.

Me manche,
nun ll’agggio ditto maje,
‘e strate songo tante,
e tu luntano staje.
Però ce manche,
ce manche quanno ride,
e scènnanano sti llacreme,
peccato nun ce vide.

Ce siente,
ô ssiente quanto manche?
‘a vocia toja ce manca,
ce mancano ‘e pparole,
e ttanti ccose ancora.

Ce manca chesta faccia,
‘a notte è llonga e scura,
ma ‘na speraanza more.

Ce manca, 
ce manca ‘a leggerezza,
‘a voglia p’affruntà,
‘o piso d’‘a tristezza
ca ce ne porta ‘nfunno.

Ce manca,
Ce mancano chist’uocchie
ca ssanno accàrezzà,
e allùmmenà ‘e nuoste.

Me manche,
nun puo’ sapè tu quanto,
sarrà che nun ce staje,
e allora io mo te penso,
te sonno e po’ te canto.

E accussì ,
tu m’accumpare annànte,
e ssaccio si’ tturnato,
almeno pe nu poco,
pe c’asciùttà stu chianto.

Me siente?
nun saccio addò te truove,
a cchi âggio dumannà,
te voglio sempe bbene,
so’ stanco d’aspettà,
pecchè,tu ô ssaje,
ca sempe mancarraje.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.