Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

SCAVI ARCHEOLOGICI AL BELVEDERE DI VIA CALIFANO foto

Lo storico albergo Loreley è in restauro, la cosa ci compiace, in quanto nelle sue stanze, nei suoi saloni, sulle sue terrazze sul golfo sono passati personaggi importanti, come Matilde Serao, Salvatore di Giacomo, Luca Postiglione ed altri.

Album di Default

Dall’affaccio belvedere di via Califano in corrispondenza dell’albergo, si vedono saggi di scavo archeologico a cura della soprintendenza. Sono state messe in luce strutture murarie grosse. Ricordiamo che l’area in passato ha restituito, subito accanto, la grande statua della Peplophora, ora al Museo Vallet e un pò più in la, sotto l’hotel Royal, nel 1889, l’atleta di Koblanos, adesso in esposizione all’Hermitage di San Pietroburgo, nell’ambito della mostra “Miti ed eroi”.

Vuoi vedere che i saggi ci portano al basamento del grande tempio con triginta colonne indicato da Partenio?

Nessuna descrizione della foto disponibile.L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

 

Ci piace anche riportare, tratte dal libro di Mario Russo , Archeologia tra Capo Circe e Hotel Vittoria, la parte in cui il gesuita Giannattesio Partenio, la cui chiesa al Cocumella, in visita presso la villa Garzilli Mastrogiudice racconta:

Nell’area di questa villa Garzilli (

Cfr. Merlo 1857, p. 38. “Alla fine poi di questo giardino vi è la calata di 55 gradini in mare … ed è sorprendente che scesi in riva al mare, vi si trova un giardino alla parte interna della spiaggia così grande, come quello di sopra” (ibidem). La discesa, probabilmente antica, esiste ancora nel Loreley e l’ampio giardino è quello che si trova ai piedi della terrazza tufacea.

È comunque dai primi decenni del Settecento che cominciano

ad apparire notizie più precise sul sito del quale

ci vogliamo occupare. Sta di fatto che spesso gli scrittori di

quel secolo invocano l’autorità del Capaccio per avvalorare

affermazioni e deduzioni personali non sempre attendibili,

attribuendogliene la paternità.

Il Giannettasio, in occasione di una visita ad un amico

che possiede una villa non lontano dalla città nel luogo chiamato

Circe (“villani, quae non longe a ponioerio est, qui

locus ad Circen dicitur”B), osserva, presso la sporgenza del

colle, le sostruzioni di un tempio, che, quasi integro all’epoca

del trisavolo del suo ospite, era poi stato lasciato andare

in rovina. Da questo tempio sarebbero state asportate circa

trenta colonne di porfido e di basalto e un’ara di manna

pa1io, che si osservava ancora ai suoi tempi collocata presso

l’antico edificio sacro (“plusqua1n triginta coluninas

distractas: quarum quedanz erant ex porphirite, queda1n

vero ex bisalte, ara e Pario marn1ore, quae adhuc Surrenti

visitur in via exposita, juxta sacran1 quandani aeden1″9).

Egli vede, inoltre, pavimenti a mosaico e ampi archi o volte

(”aniplique fornices partùn ex lateribus, partini ex quadro

saxo conipactis miro ordine” IO). Tali ruderi si troverebbero

a ‘Punta di Circe’ (attuale terrazza-belvedere del Museo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.