Positano News - Notizie della Costiera Amalfitana Penisola Sorrentina Campania - Positano News

Pompei . Allarme 8 maggio fra Scavi e Supplica, si rischia il caos e turisti in attesa per ore

Pompei . Allarme 8 maggio fra Scavi e Supplica, si rischia il caos e turisti in attesa per ore come è successo qualche giorno fa. Lo scrive Susy Malafronte su Il Mattino di Napoli
«Vi prego, non venite a visitare gli Scavi l’8 maggio, il rischio di paralizzare le due città – quella nuova e quella antica – è tale da mettere a rischio tutti i sistemi di sicurezza. Anticipate o posticipate il viaggio, se potete». È l’invito choc che i tour operator fanno ai loro clienti dopo l’odissea vissuta dai turisti lo scorso 25 aprile. «Lasciare fuori i cancelli 15mila persone per più di tre ore è inconcepibile. Non accade da nessun altra parte del mondo», attaccano gli operatori turistici.
I DISSERVIZI
La gratuità del sito archeologico per chi vive a Pompei, e per chi Pompei la vive solo da turista o da pellegrino, è diventata un vero e proprio incubo. C’è chi non ci dorme la notte. Traffico in tilt, il dieci per cento dell’offerta parcheggi rispetto alla domanda, città allo sbaraglio senza vigili urbani, chiusura del sito archeologico anticipato (con la conseguente attesa di migliaia di turisti fuori ai cancelli), polizia e carabinieri che devono sospendere le attività anticrimine per gestire l’emergenza: sono solo alcune delle «catastrofi» che vive la città, quella sepolta dalle ceneri del Vesuvio e quella fondata dal beato Bartolo Longo nel 1891. I tour operatori, ad esempio, dopo le perdite economiche (fino a 20mila euro a testa) del 25 aprile – per i rimborsi fatti ai croceristi che hanno dovuto rinunciare al «dream-Pompeii» nonostante nel pacchetto acquistato con un anno di anticipo c’era il tour tra le antiche vestigia – stanno chiedendo ai loro clienti di rinunciare alla visita agli Scavi programmata per il prossimo 8 maggio.
«Non è nostra intenzione perdere la faccia e altri soldi per delle scelte non adatte fatte da chi non vive e non conosce un territorio senza servizi e infrastrutture. I nostri clienti hanno programmato, e pagato, la visita dell’8 maggio nel giugno del 2018. Hanno pagato il biglietto perché nella data della prenotazione non era previsto l’ingresso gratuito al sito, istituito per la festa patronale. Succede poi, come è già successo, che nonostante il pagamento del ticket migliaia di turisti vengono bloccati per ore fuori i cancelli. Per non parlare poi dei croceristi che, avendo i minuti contati, sono costretti a rinunciare al tour. La nuova Pompei è morta – spiegano gli agenti di viaggi – non è preparata a gestite flussi così importanti, di 30mila presenze, come quelle registrate il 25 aprile o come le previste 80mila il prossimo 8 maggio». All’ingresso free alle domus, infatti, l’8 maggio si aggiungerà la Supplica che catalizzerà su Pompei 50mila fedeli, provenienti da ogni parte d’Italia in autobus.
Si preannuncia, dunque, una vera e propria apocalisse. Polizia e carabinieri hanno bisogno di più uomini per reggere l’invasione, della nuova Pompei e di quella antica. Certo, anche quella antica. Giovedì scorso c’era traffico pedonale pure tra i decumani della Pompei romana. I pompeiani hanno deciso che, l’8 maggio si chiuderanno in casa. «Le auto, bloccate per ore nel traffico, diventeranno trappole di lamiere infuocate, rischiose per anziani e bambini», dicono. Il sindaco, tuttavia, si dice ottimista e spera di riportare, quanto prima i vigili in strada. Il 29 aprile è stato fissato un ulteriore incontro con i sindacati di categoria. «Sono ottimista che da questo incontro possa scaturire l’accordo che ripristini il servizio a tempo pieno della polizia municipale. Noi tutti speriamo di rivedere presto i vigili in strada», è l’auspicio di Pietro Amitrano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Positano News, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.