Quantcast

Equinozio di Primavera 2019: quest’anno coinciderà con la Superluna. Ecco cosa c’è da sapere

Più informazioni su

Quest’anno l’equinozio di primavera coinciderà con la Superluna. La notte tra il 20 e il 21 marzo, infatti, potremmo non solo ammirare la nuova superluna, ma anche l’equinozio di primavera.

L’equinozio, ricordiamo, è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest’ultimo si trova allo zenit dell’equatore. Esso ricorre due volte durante l’anno solare e, in tale momento, il periodo diurno (ovvero quello di esposizione alla luce del Sole) e quello notturno sono uguali, giungendo i raggi solari perpendicolarmente all’asse di rotazione della Terra.

Gli equinozi occorrono a circa sei mesi di distanza l’uno dall’altro, più precisamente a marzo e a settembre del calendario civile; analogamente ai solstizi, essi sono convenzionalmente assunti come momento di avvicendamento delle stagioni astronomiche sulla Terra. Nell’emisfero boreale l’equinozio di marzo segna la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, mentre quello di settembre termina l’estate e introduce l’autunno. Viceversa accade nell’emisfero australe, dove l’autunno entra all’equinozio di marzo e la primavera in quello di settembre.

L’ultima volta che equinozio di primavera e superluna erano coincise era nel 2000. Potremmo ammirare una splendida luna piena, che si troverà a una distanza ridotta dalla Terra, a 366mila km. Solitamente la distanza media Terra-Luna è pari a 384.400 km. La luna piena sarà la prima della stagione primaverile e sarà la terza e ultima superluna del 2019 dopo quelle ammirate a gennaio e febbraio.

Più informazioni su

Commenti

Translate »